rotate-mobile
Politica Procida

Elezioni, schede occultate: nel seggio arrivano i carabinieri

La sezione elettorale è stata chiusa per qualche ora per accertamenti

I Carabinieri sono intervenuti nella sezione elettorale di via Flavio Gioia a Procida per presunte violazioni e irregolarità. Il sindaco Dino Ambrosino ha sostituito presidente e segretario del seggio. Dieci schede elettorali timbrate sono state trovate in un cassetto del seggio dopo la chiusura delle operazioni di preparazione al voto e la cosa è stata segnalata alle autorità. Ieri sera tutti i componenti del seggio sono stati ascoltati nella caserma dei carabinieri. Le operazioni di voto nel seggio sono iniziate con circa due ore di ritardo ma procedono regolarmente.

A Procida si vota anche per le comunali per eleggere il nuovo sindaco, oltre che per le Regionali e per il Referendum.

Due i candidati: il sindaco uscente Dino Ambrosino e Luigi Muro.

REPLICA

Sul sito Facebook di uno degli schieramenti politici in campo arriva la versione di persone vicine alla presidente di seggio al centro del caso: "Non si è trattato di rimozione del presidente di seggio per presunte irregolarità ma di dimissioni volontarie del presidente per garantire la serenità del voto. Non vi è stata alcuna sottrazione di schede elettorali ma una denuncia di una sostenitrice dello schieramento avverso. Parliamo di schede bianche, inutilizzabili al fine di qualsiasi eventuale irregolarità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, schede occultate: nel seggio arrivano i carabinieri

NapoliToday è in caricamento