menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nicola Cosentino

Nicola Cosentino

Cosentino lascia il carcere: per lui domiciliari in una villa di famiglia a Venafro

Era detenuto a Terni da due anni. L'ex sottosegretario del Pdl è accusato di estorsione aggravata e concorrenza sleale in relazione agli affari dell'azienda di famiglia attiva nel settore petrolifero

L'ex sottosegretario del Pdl, Nicola Cosentino, lascia il carcere di Terni nel quale si trovava da due anni. Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere gli ha concesso gli arresti domiciliari in una villa di famiglia a Venafro, in provincia di Isernia.

Cosentino è imputato nel processo cosiddetto "Carburanti", insieme ai fratelli, con l'accusa di estorsione aggravata e concorrenza sleale in relazione agli affari dell'azienda di famiglia attiva nel settore petrolifero.

Negli altri tre collegi davanti ai quali sono in corso altrettanti processi a suo carico (due a Santa Maria Capua Vetere, il terzo a Napoli Nord) avevano nei mesi scorsi già accolto l'istanza di concessione dei domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento