rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Caldoro: "Conti in ordine per la sanità. Ora ci diano risorse che ci spettano"

Il Governatore della Campania sottolinea ancora una volta come la Regione sia tra le più virtuose in Italia, come certificato dalla Ragioneria di Stato: "Nonostante le minori risorse abbiamo offerto lo stesso una buona sanità ai nostri cittadini"

"Abbiamo i conti in ordine. Quando lo dicevo io nessuno mi credeva, oggi lo certifica la Ragioneria di Stato. E’ la dimostrazione chiara del fatto che la Campania è la più virtuosa in Italia". A dirlo è il Governatore della Campania Stefano Caldoro, che sottolinea ancora una volta l'importante percorso intrapreso dalla Regione in materia di sanità.

"Inizialmente eravamo fanalino di coda - prosegue Caldoro - ma siamo riusciti a invertire la tendenza ottenendo la migliore performance in Italia. Nonostante le minori risorse abbiamo offerto lo stesso una buona sanità ai nostri cittadini. Ora però pretendiamo le risorse che ci spettano. Non faremo un solo passo indietro per garantire ai campani lo stesso trattamento dei cittadini delle altre Regioni italiane. Non è più ammissibile che i campani abbiano in meno 60 euro pro capite di trasferimenti statali sulla sanità. Il cittadino della Campania viene trattato in maniera diversa rispetto a quello del Centro-Nord, questo non è più possibile".

"Nel mondo - conclude il Governatore - i sistemi di distribuzione delle risorse sono fatti su parametri diversi. Anche in merito al turn over la Campania è sotto, in quanto a organico, del 10% rispetto ad altre Regioni del Nord che dicono di essere virtuose, ma hanno un maggior numero di dipendenti. Siamo nettamente al di sotto della media nazionale. Abbiamo chiesto lo sblocco ed è una richiesta intelligente. L’assunzione di nuove forze, di giovani, produce risparmi perchè quando siamo troppo in sofferenza si fanno tanti straordinari che costano di più rispetto ad avere nuovo personale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldoro: "Conti in ordine per la sanità. Ora ci diano risorse che ci spettano"

NapoliToday è in caricamento