Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini torna a Mondragone, l'attacco ai Centri sociali: "Bevono e fumano sino a tardi. Di mattina solo brava gente"

 

Ritorno a Mondragone questa mattina alle 10 per Matteo Salvini. Una visita a sorpresa, dopo quella dei giorni scorsi nella zona focolaio del Coronavirus degli ex palazzi Cirio.

L’intera zona è stata isolata ed è impedito l’accesso alle automobili per evitare i disordini dell'ultima visita dell'ex ministro a Mondragone, culminata dalla dura contestazione dei centri sociali. 

In piazzale Conte Salvini è stato accolto dall’applauso di decine di sostenitori che hanno voluto anche scattare selfie ricordo con il politico della Lega.

Non manca l'attacco ai centri sociali napoletani rei di avergli impedito di parlare nella scorsa occasione: "Quelli dei centri sociali bevono e fumano fino a tardi. A prima mattina troviamo i bravi cittadini. I centri sociali non mi avevano permesso di parlare con agricoltori e con la brava gente del posto. Ci siamo e ci torneremo anche su tutto il litorale, che è bellissimo, difficile da trovare altrove. Non si deve parlare solo di criminalità, ma anche di mare, di turismo di lavoro. Ci sono anche immigrati perbene, ma il problema sono clandestini e fuorilegge che vanno allontanati. Ci sono dei bulgari che possono anche essere espulsi nel caso. Colpa anche di chi sfrutta la manodopera clandestina. Ho idee chiare. Rischio è che dopo Coronavirus si presentino signori della malavita con i soldi. Al governo con Pd e M5Stelle non ci torno", spiega Salvini.

SU CASERTANEWS GLI AGGIORNAMENTI SULLA VISITA DI SALVINI

salvini mondragone-3

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento