rotate-mobile
Politica

Salva Comuni, sì alla manovra: in arrivo 280 mln, aumenta l'Imu

Il prestito dovrà essere restituito in dieci anni. De Magistris: "Grande attenzione per le fasce deboli. Sull'orlo della bancarotta, ma per noi comincia ora una nuova epoca che ci porterà fuori dal tunnel"

Il futuro per i napoletani? Aumenterà l'Imu, sarà dismesso il patrimonio immobiliare, saranno razionalizzate le società partecipate e ridotte le spese del personale. Napoli ha scelto la strada per far fronte al miliardo e mezzo di debiti e deficit che hanno portato il Comune sull'orlo della bancarotta. E' tutto previsto e scritto nel Piano di rientro finanziario pluriennale che il Consiglio comunale ha approvato in serata per aderire alle misure previste dal decreto 'Salva Comuni'. Il documento passerà ora all'esame del Ministero dell'Economia, che è chiamato a validarlo, e subito dopo consentirà di far arrivare nelle casse esauste del Comune di Napoli 280 milioni di euro, un prestito che l'amministrazione comunale dovrà restituire in dieci anni.

"Napoli – è stato il primo commento del sindaco de Magistris – è stata un laboratorio. Questa è una norma fatta per situazioni come la nostra". Il Piano è passato a maggioranza, con l'astensione di Pd, Sel, Udc, Centro democratico e Ricostruzione democratica. Al momento del voto le opposizioni non erano in aula. "Chi si è sfilato all'ultimo minuto ha assunto un atteggiamento pilatesco. Ora comincia una nuova epoca che ci porterà fuori dal tunnel".

TUTTI I BENEFICI - L'ok alla manovra consente di far arrivare, nelle casse del Comune, già a partire da febbraio, liquidità per un ammontare pari all'80% del totale previsto e, tra le "ricadute immediate e positive" porterà la possibilità di avviare il pagamento dei creditori. "Sarà possibile – ha fatto sapere il sindaco – far scorrere il 'cronologico' fino al 2010". A fronte di questo ci sono le misure e l'impegno di Napoli e dei suoi cittadini: l'Imu sulla prima casa aumenterà di un punto e arriverà all'aliquota massima (0,6 per mille) con un gettito che salirà a 363 milioni, spalmati in 10 anni. L'aumento, per la quota che spetta al Comune, ha assicurato de Magistris, "verrà destinato in modo indefettibile ai servizi essenziali per la città". Nella manovra c'é stata poi grande attenzione per le fasce deboli: la soglia di esenzione dall'Irpef, pur incrementata ai livelli massimi – cioé allo 0,8% - passa a 18 mila euro, una misura che coinvolge circa un terzo dei contribuenti partenopei.

Dalla dismissione del patrimonio arriva la voce d'entrata più consistente: 785 milioni di euro dei quali 730 milioni relativi agli immobili e 55 milioni relativi agli ex autoparchi ed ex officine. E' prevista la riduzione delle spese del personale, da realizzare attraverso l'eliminazione dei fondi per il finanziamento della retribuzione accessoria del personale dirigente e di quello del comparto. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salva Comuni, sì alla manovra: in arrivo 280 mln, aumenta l'Imu

NapoliToday è in caricamento