menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maschio Angioino: le donne napoletane per Sakineh

Venerdì 10 settembre 2010- dalle ore 17 alle ore 19 al Maschio Angioino - tante donne di Napoli lanceranno un appello per Sakineh. L'iniziativa coinvolge politiche, intellettuali, artiste, lavoratrici

Le donne di Napoli scenderanno in piazza per Sakineh, la donna iraniana che rischia la lapidazione. Venerdì 10 settembre 2010, dalle ore 17 alle 19, ci si incontrerà al Maschio Angioino per lanciare un appello in favore della donna. L'iniziativa, promossa dall'assessore alle Pari Opportunità Maria Grazia Pagano, ha coinvolto politiche, intellettuali, artiste, lavoratrici, affinchè parta anche dalla nostra città un forte "no" alla lapidazione della donna iraniana, la cui effige da ieri è esposta sulla facciata di Palazzo San Giacomo. Con il sindaco Rosa Iervolino Russo e l'assessore Pagano, ci saranno anche Cristina Donadio, Enza Di Blasio, Lucia Ragni, Maria Liguori, e tante altre che stanno facendo pervenire le loro adesioni. Ognuna di loro avrà un pensiero particolare per Sakineh Mohammadi Ashtuiani: uno scritto, una poesia, una canzone, ma tutte sottoscriveranno un appello che verrà inviato all'ambasciata iraniana in Italia.
"Facciamo solo la nostra parte - spiega l'assessore Pagano - nella speranza che anche la nostra voce contribuisca a salvare la vita a Sakineh. Il nostro appello si unirà ai tanti che sono stati lanciati in tutto il mondo per risparmiarle la lapidazione, si unirà alle voci che chiedono per lei giustizia. Speriamo che siano in tante e tanti ad intervenire; più firme ci saranno, più la nostra voce sarà forte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Monte di Pietà in vendita, i cittadini: "No a ristoranti e matrimoni trash"

  • Cronaca

    “Chi ha ucciso Maurizio ha dato una coltellata all'intera città”

  • Cronaca

    “Cinque ore di attesa per essere vaccinati”: la denuncia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento