rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Politica Chiaiano

Percolato a Chiaiano, Fico: "Vogliamo i nomi dei responsabili"

Il candidato sindaco al comune di Napoli per il MoVimento Cinque Stelle: "Già all'epoca della costruzione della prima vasca si avevano tutte le informazioni sulla criminale negligenza nella scelta dei materiali e sulla loro messa in opera"

Lunedì scorso la bomba: carabinieri del Noe a lavoro nella discarica di Chiaiano per una serie di perquisizioni partite nell'ambito di un'inchiesta della Dda su presunte infiltrazioni camorristiche nella gestione dell'impianto e presunte irregolarità nell'assegnazione degli appalti.

Adesso arriva il commento di Roberto Fico, candidato sindaco al comune di Napoli per il MoVimento Cinque Stelle: "La fuoriuscita di percolato dal fondo della discarica di Chiaiano non può e non deve essere una notizia, una novità. Già all'epoca della costruzione della prima vasca si avevano tutte le informazioni sulla criminale negligenza nella scelta dei materiali e sulla loro messa in opera".

"All'epoca - continua Fico - mentre le istituzioni locali e nazionali pomposamente parlavano di discarica modello, i comitati di cittadini (ridicolizzati come 'popolo del NO') mostravano tutte le immagini ed informazioni alla delegazione guidata dall'euro-parlamentare Monica Frassoni, nella sede consiliare di via Verdi; in particolare tramite le foto proposte dal prof. Ortolani si evinceva chiaramente che argilla e ghiaia fossero non conformi e che i teli di contenimento presentavano lacerazioni già alla loro posa".


"Il Movimento 5 Stelle chiede che oggi non si finga che non lo si sapesse fin dall'inizio. Non fu un errore ma una deliberata scelta di allora. Scelta che ha e deve avere nomi e cognomi di responsabili che vanno costretti a risponderne in ogni sede", conclude Fico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Percolato a Chiaiano, Fico: "Vogliamo i nomi dei responsabili"

NapoliToday è in caricamento