menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune di Napoli, via all'iter per la riorganizzazione della macrostruttura

Definiti i passaggi del processo che saranno posti in essere già a partire dai primi giorni del 2018

La Giunta comunale di Napoli presieduta dal Sindaco Luigi de Magistris ha approvato la delibera con la quale si avvia il processo di riorganizzazione della macrostruttura dell'ente di Palazzo San Giacomo.

Nell’atto proposto dal Direttore Generale Attilio Auricchio si definiscono i passaggi del processo che saranno posti in essere già a partire dai primi giorni del 2018 e che si svilupperanno su queste direttrici:

·        Riforma macrostruttura

·        Rivisitazione del Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei servizi

·        Ridefinizione dei funzionigramma dei servizi erogati dal Comune

·        Pesatura posizioni dirigenziali

·        Rotazione

·        Riforma del ciclo della performance

·        Ottimizzazione della logistica degli uffici comunali

"La delibera - spiega il Direttore generale del Comune di Napoli Attilio Auricchio - parte dalla necessità di affrontare le ricadute negative delle modifiche legislative degli ultimi anni, che hanno comportato la costante riduzione dei trasferimenti di finanza pubblica e l’impossibilità di nuove assunzioni, in un contesto comunque condizionato anche dalla forte riduzione di personale dirigenziale dovuta ai molti pensionamenti di questi anni. E qui va sottolineato come in questi anni, con pochi dirigenti, si sia fatto fronte ad innumerevoli emergenze e di ciò va dato atto ai vertici dirigenziali amministrativi e soprattutto tecnici, che ancor di più scarseggiavano in pianta organica. Con l’approvazione della deliberazione è stato anche definito il perimetro della nuova macrostruttura, la cui attuazione sarà comunque subordinata all’adozione di successivi atti deliberativi e di provvedimenti della Direzione Generale. La nuova macrostruttura prevede la modifica della attuale, oggi suddivisa in Direzioni, Dipartimenti e Servizi Autonomi, puntando invece ad una struttura organizzativa, i cui  “mattoni elementari” restano i “servizi”, che però vengono distribuiti in aree omogenee e con una particolare attenzione alle Municipalità".

"La nuova struttura dell’Ente - conclude Auricchio - dovrà assicurare un maggior coordinamento e integrazione tra gli uffici a volte, per alcuni aspetti, scollegati, pur svolgendo attività e funzioni omogenee o complementari, per favorire così l’integrazione tra le strutture e garantire migliori e più efficienti servizi alla cittadinanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

social

Lotto, estrazione di giovedì 22 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento