rotate-mobile
Politica

Rifiuti, ultimatum dell'Ue: soluzione in due mesi o multe pesanti

Il ministro dell'Ambiente Clini annuncia la moratoria fissata dal commissario europeo Janez Potonik. De Magistris: "Anche se leggiamo che a Napoli c'è l'incubo rifiuti, dal primo agosto di rifiuti non ce ne sono"

Due mesi. Questo il tempo che il Commissario europeo all'Ambiente, Janez Potonik, ha dato a Napoli prima di fare scattare le sanzioni Ue. Lo ha fatto sapere il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini.

Il commento del sindaco de Magistris: "Abbiamo tempi strettissimi per intervenire in maniera convincente. Altrimenti sarà una multa colossale, che pagheremo tutti. Stiamo andando avanti ma governare senza soldi non è facile. Comunque, anche se sui giornali leggiamo che a Napoli c'è l'incubo rifiuti, dal primo agosto di rifiuti a Napoli non ce ne sono".

Domani, intanto, la visita del ministro dell'Ambiente in città. "Ho già detto che non condivido le dichiarazioni sull'esercito. Pensiamo ai fatti, con meno parole", ha fatto sapere il sindaco. E sulla presenza di rifiuti in città in questi giorni: "Non c'è nessuna emergenza rifiuti. Dal primo agosto in strada non c'è un sacchetto di immondizia. Non è che i rifiuti sono come la nebbia di Totò, che c'è ma non si vede...".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, ultimatum dell'Ue: soluzione in due mesi o multe pesanti

NapoliToday è in caricamento