Raffaele Cantone lascia l'anticorruzione: potrebbe tornare a Torre Annunziata

La decisione arriva con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del mandato

Salvini e Cantone, Ansa

Raffale Cantone lascia la carica di presidente dell'Autorità anticorruzione (l'Anac) per tornare a fare il magistrato. Secondo le indiscrezioni circolate nelle ultime ore, avrebbe già presentato richiesta al Csm per le sedi di Torre Annunziata, Perugia o Frosinone.

La decisione pare derivare soprattutto dalla mancanza di sintonia con l'attuale governo, in particolar modo con Giuseppe Conte , Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Anche la legge "anticorruzione" dell'esecutivo non ha mai convinto l'ex magistrato partenopeo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi sono sentito sopportato e siccome non sono uomo per tutte le stagioni ho meditato a lungo e poi ho capito che era arrivato il momento di tornare a fare il mio mestiere", sono le parole di Cantone, il cui mandato all'Anac sarebbe scaduto il 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento