Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica Procida

Procida Capitale della Cultura 2022, le reazioni del mondo politico: "Occasione straordinaria"

La soddisfazione del Governatore De Luca: "Presenteremo nei prossimi giorni i contenuti del progetto". Il Comune: "Non vediamo l'ora di metterci all'opera"

C'è grande soddisfazione nel mondo politico campano, e non solo, per la nomina di Procida a Capitale italiana della Cultura 2022. Grande gioia è stata espressa dal Presidente della Regione Vincenzo De Luca, che ha annunciato la presentazione dei contenuti del progetto nei prossimi giorni.

"Esprimiamo la nostra gioia e la grande soddisfazione per la scelta di Procida come Capitale italiana della Cultura 2022. L'isola di Procida è uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici della Campania per le bellezze ambientali, per la sua storia e le sue storie, per i suoi borghi e le sue spiagge. È un luogo assolutamente affascinante che sottolinea le molte bellezze della nostra terra. Ha vinto un progetto bellissimo, di valorizzazione dell'isola e della Campania, a cui Regione e Comune hanno creduto. È un'occasione straordinaria di proiezione della nostra Regione sul piano internazionale sulla scia del grande successo delle Universiadi 2019. Presenteremo nei prossimi giorni i contenuti del progetto", le parole del Governatore.

LE PAROLE DEL PREMIER CONTE E IL LUNGO APPLAUSO DELLA CAMERA PER PROCIDA

Il Comune di Procida: "Non vediamo l'ora di metterci all'opera"

"Una gioia indescrivibe, una sfida enorme che ci aspetta. Non vediamo l'ora di metterci all'opera per intraprendere questo emozionante percorso. Grazie al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, a tutta la cittadinanza, alla Regione Campania per il sostegno espresso e ad Agostino Riitano e al suo progetto che ha reso Procida 2022 - Capitale Italiana della Cultura realtà!". Con questo post sulla sua pagina social ufficiale, il Comune di Procida ha festeggiato l'attesissima nomina.

"Le campane hanno suonato a festa nell’isola di Procida per la proclamazione di Capitale italiana della cultura 2022. E’ un riscatto anche per l’area vasta dei Flegrei, della provincia di Napoli, per la Regione Campania, perché alla fine ci sono tante realtà importanti da un punto di vista culturale e ambientale. Bisogna costruire su queste realtà delle opportunità di sviluppo e noi ci stiamo lavorando anche con questo progetto”. II sindaco di Procida Dino Ambrosino ha commentato così a “Che giorno è” su Rai Radio 1, la proclamazione dell’isola a capitale della Cultura italiana per il 2022”.

La prima iniziativa - ha detto il sindaco - prevede che saremo in collegamento proprio con i campi Flegrei, siamo a Procida, siamo a Santa Margherita con un evento culturale a gennaio 2022. Poi nella stessa giornata con le barche raggiungiamo la terra ferma, quindi i Campi Flegrei per concludere questa giornata di festa della cultura. Siamo veramente entusiasti anche di come la nostra comunità ha reagito, ha contribuito a questo processo nelle ultime settimane e di come abbiamo scoperto tanti procidani di cuore che hanno dato un contributo al nostro progetto. Il nostro messaggio importante è che la cultura non isola proprio perché alla fine abbiamo giocato un po’ sul gioco di parole ma anche per sottolineare un messaggio importante, soprattutto in questo periodo di emergenza coronavirus: la cultura ha costruito, ha mantenuto l’identità nazionale e ci dobbiamo puntare ancora di più risorse importanti, investimenti importanti perché non solo si vivano delle belle emozioni insieme ma ci sia anche la grande opportunità da un punto di vista economico". 

"Le campane delle nostre numerose parrocchie hanno suonato a festa - ha concluso Ambrosino - e questo mi riempie di orgoglio, la notizia è stata accolta dall’enorme entusiasmo chiaramente della delegazione che era in collegamento diretto con il ministro Franceschini. Ci siamo anche distratti un attimo nei festeggiamenti rispetto a quello che erano i protocolli della cerimonia, però questo dimostra la genuinità della nostra convinzione del fatto che abbiamo lavorato tanto a questo progetto e quindi siamo veramente contenti, soddisfatti per questa enorme opportunità che ci viene offerta”. 

De Magistris: "Felicissimo come napoletano"

Anche il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli Luigi de Magistris ha espresso tutta la sua felicità per la nomina di Procida a Capitale della Cultura 2022: "Procida capitale italiana della cultura del 2022. Sono felicissimo come napoletano e come Sindaco della città metropolitana. Abbiamo sostenuto questa candidatura che la nostra splendida isola merita. Complimenti ai procidani, insieme vinceremo questa sfida fantastica", scrive il primo cittadino partenopeo su Twitter. 

Sottosegr. Orrico: "Premiato progetto ricco di spunti sociali"

"Complimenti a Procida, proclamata Capitale italiana della Cultura 2022, con un progetto ricco di spunti sociali e finalizzato a massimizzare il potenziale di rigenerazione che solo la cultura può offrire". Lo scrive su Facebook il Sottosegretario del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Anna Laura Orrico.

"Una capitale per un anno importante in cui potremo pienamente ripartire lasciandoci alle spalle l'emergenza Covid-19. Una capitale significativa: un'isola del Mezzogiorno, perché la valorizzazione di tutti i territori è il fattore vincente dell'Italia che vogliamo costruire. Un'Italia più inclusiva ed equa, che generi ricchezza sociale e non solo economica e che metta al centro i temi dell'uguaglianza e della redistribuzione. Complimenti anche agli altri partecipanti: ogni città e borgo ha proposto progetti qualitativi, a riprova di come si stia facendo un lavoro importante, di squadra, a livello di sistema Paese. Non ci resta che andare a scoprire o riscoprire Procida - conclude Orrico - con il suo unico patrimonio, con la sua variopinta edilizia mediterranea, con i suoi sapori e profumi, con il suo mare unico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Procida Capitale della Cultura 2022, le reazioni del mondo politico: "Occasione straordinaria"

NapoliToday è in caricamento