Sabato, 13 Luglio 2024
Politica

Piazza del Plebiscito, valorizzazione del colonnato e degli spazi ipogei: sottoscritta l'intesa

Con la firma di questa intesa, che avrà la durata di sei anni, l’Agenzia del Demanio assume il ruolo di soggetto attuatore dell’investimento e stazione appaltante per tutti i lavori di restauro del colonnato e dei locali di proprietà del Fondo Edifici Culto

Valorizzare, migliorare e gestire il complesso monumentale di Piazza del Plebiscito e dei suoi spazi ipogei è l’obiettivo del Protocollo d’intesa sottoscritto oggi, frutto di una intensa collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte: Prefettura di Napoli, il Fondo Edifici Culto (FEC), il Comune di Napoli, l’Agenzia del Demanio e il MiC-Soprintendenza Archeologia.

A firmare l'intesa presso la Prefettura partenopea, alla presenza del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, il direttore centrale degli Affari dei culti e per l'Amministrazione del Fondo Edifici di culto (Fec) del dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione del ministero, Fabrizio Gallo, il prefetto di Napoli, Claudio Palomba, il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, il direttore generale dell’Agenzia del Demanio, Alessandra dal Verme, e il direttore generale della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il comune di Napoli, Luigi La Rocca.

Presenti, tra gli altri, anche il sottosegretario all'Interno Wanda Ferro e l'assessore della regione Campania a Sicurezza, Legalità e Immigrazione Mario Morcone.

L'intesa avrà una durata di sei anni

Con la firma di questa intesa, che avrà la durata di sei anni, l’Agenzia del Demanio assume il ruolo di soggetto attuatore dell’investimento e stazione appaltante per tutti i lavori di restauro del colonnato e dei locali di proprietà del Fondo Edifici Culto. L’Agenzia, inoltre, su committenza del Comune di Napoli, attraverso la struttura per la progettazione, avvierà le fasi di concorso per un intervento di lighting design per valorizzare la piazza, il colonnato e le sue quinte.

Firma intesa per Piazza del Plebiscito - foto A. De Cristofaro/NT

Riportare alla memoria la grandezza della piazza

Obiettivo dell’intervento è quello di riportare alla memoria la grandezza della piazza, carica di valore storico, protagonista della città: centro decisionale, polo di attrazione di corti reali, luogo di incontro e di governo, la piazza ha cambiato nel tempo nome fino a quello attuale di Piazza del Plebiscito quando il 21 ottobre del 1860 venne decretata l’annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno d’Italia. Un luogo affascinante, ricco di storie e di leggende, sotto il quale si stende un viadotto sotterraneo che congiunge il Palazzo Reale con piazza Vittoria, che che fece costruire Ferdinando II di Borbone.

Video di De Cristofaro

L'area sotterranea

Sei metri sotto la basilica di San Francesco di Paola, nel largo del Plebiscito, c’è un’altra piazza. Un’area sotterranea di oltre mille metri quadri, che nell’Ottocento fece realizzare il re Gioacchino Murat, riqualificata di recente dal Comune e dal Provveditorato alle opere pubbliche grazie a un progetto che ha coinvolto anche l’Agenzia del Demanio, la Curia, il Fec, la Soprintendenza e la Prefettura e destinata a diventare un luogo per esposizioni ed eventi, capace di contenere fino a 300 persone. Si potrà finalmente scendere nel ventre della città e ammirare gli archi di tufo, resti dei palazzi ottocenteschi demoliti per lasciare posto all’ipogeo, restituito a cittadini, visitatori e turisti. 

Piazza del Plebiscito Ipogeo

L’attrazione di finanziamenti e la conseguente attività progettuale consentiranno di attuare un’efficace azione di tutela, indispensabile al mantenimento del complesso e alla sua valorizzazione. L’attuazione di questi investimenti genererà la riqualificazione di tutta l’area, coinvolgendo monumenti di immenso pregio come il Teatro S. Carlo e la Galleria Umberto.

La Chiesa di san Giovanni a Carbonara

Il Direttore dell’Agenzia del Demanio, Alessandra dal Verme, intervenendo all’evento, ha citato anche un’altra operazione di rigenerazione che riguarda il complesso della Chiesa di san Giovanni a Carbonara, con la Caserma Garibaldi realizzata nel vecchio convento agostiniano. Si tratta di una delle chiese monumentali più belle di Napoli che tornerà a rivivere per i cittadini anche con il giardino adiacente al chiostro.

“L’Agenzia del Demanio nell’ambito della sua mission istituzionale di gestione del patrimonio immobiliare pubblico ha abbracciato una nuova visione che dà centralità all’utenza, non solo le PA che usano i beni pubblici ma anche e soprattutto i cittadini che vivono quotidianamente gli immobili pubblici nelle loro città – ha dichiarato il direttore dal Verme - In questa ottica, numerosi sono gli interventi di riqualificazione avviati sul territorio per restituire alla città beni poco o male utilizzati, per fare rigenerazione e sviluppo e riportare alla memoria immobili che hanno rappresentato la grandezza di Napoli quale capitale europea”.

Confapi: "Ottimo risultato per Napoli"

"L’accordo per la valorizzazione la riqualificazione e la gestione unitaria del Complesso di Piazza del Plebiscito a Napoli e dei suoi spazi Ipogei sottoscritto questo pomeriggio rappresenta un ottimo risultato per la città. Grazie al grande lavoro svolto del prefetto Claudio Palomba, si è riusciti a mettere allo stesso tavolo i rappresentanti di tante istituzioni, anche ecclesiastiche, e sviluppare un piano che rilanci l’economia e la vivibilità della piazza più amata di Napoli, dai napoletani e non solo". Così Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli in relazione all’evento che ha visto protagonisti il Fec (Fondo edifici culto), il Comune di Napoli, l’Agenzia del demanio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Napoli.

Piantedosi visita il Colonnato di piazza Plebiscito (Foto A. De Cristofaro NT)

"Il Comune di Napoli, grazie all’impegno e al lavoro messo in campo dal sindaco, sta determinando un evidente cambio di passo nell’affrontare le criticità del nostro territorio dal punto di vista della sostenibilità e della riqualificazione di aree di grande valore strategico – ha concluso Marrone -. Come rappresentanti del mondo imprenditoriale, non possiamo che essere soddisfatti dei risultati finora raggiunti dall’Amministrazione comunale perché una Napoli più sicura, più attraente e più bella è certamente anche una Napoli più competitiva dal punto di vista economico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza del Plebiscito, valorizzazione del colonnato e degli spazi ipogei: sottoscritta l'intesa
NapoliToday è in caricamento