Politica

Comunali 2021, l'intervista al candidato presidente Parulano: "Garantito con controlli seri il riposo per chi vive nei quartieri della movida"

L'intervista a Ciro Parulano che fa parte della coalizione che sostiene Catello Maresca sindaco

Cresce l'attesa a Napoli per le Elezioni Comunali 2021 in programma il 3 e 4 ottobre. NapoliToday ha posto tre quesiti (uguali per tutti) ai candidati presidente della Municipalità II, che comprende Avvocata, Montecalvario, Mercato, Pendino, Porto, S. Giuseppe.

I temi trattati riguardano i punti principali del programma, il contrasto alla dispersione scolastica e al fenomeno baby gang e le opportunità concrete da offrire ai giovani.

L'intervista a Ciro Parulano (coalizione che sostiene Catello Maresca sindaco)

-Quali sono i punti principali del suo programma elettorale che intende applicare una volta eletto come Presidente?

"Il Programma elettorale è stato realizzato a seguito di un’attenta analisi delle esigenze del territorio, delle sue specificità e delle peculiarità della Municipalità. Le proposte avanzate sono il risultato delle esperienze e dei risultati ottenuti nei 5 anni di impegno sul territorio della municipalità. Un territorio molto complesso e con varie difficoltà sociale ed economiche. La definizione di una Visione chiara che punta a restituire alla Municipalità la valenza nazionale ed internazionale che merita, associata ad una strategia operativa basata su una profonda riorganizzazione della macchina amministrativa e alla necessità di elaborare soluzioni attuabili ai problemi emersi dalle disastrose conseguenze economiche e sociali causate dalla mala gestione amministrativa degli ultimi 30 anni che hanno gestito la cosa pubblica senza alcun rispetto per la collettività, e non ultimo si è aggiunta al disastro amministrativo anche quello della fase pandemica che ha colpito il nostro Paese e la Nostra Municipalità, i punti saldi su cui questo programma è stato elaborato. I temi trattati riguardano: "governance della municipalità, periferie, decoro urbano. mobilità e sicurezza, gestione rifiuti urbani, ambiente, sviluppo economico, turismo,  politiche culturali, scuola, politiche abitative, sport, politiche giovanili, politiche sociali, parità di genere e diritti civili, tutela e benessere animale, digitalizzazione dell’amministrazione e trasparenza, sicurezza sociale e legalità, urbanistica".

-Dispersione scolastica e fenomeno baby gang. Come si può riuscire concretamente a dare delle opportunità ai più giovani?

"Un impegno particolare e con grande attenzione sarà rivolto nei primi 100 giorni alle problematiche sociali, in primis sulla dispersione scolastica e il fenomeno baby gang, nonchè la movida e le attività economiche presenti sul territorio.

- Progetto di prevenzione della dispersione scolastica per gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado/ fenomeno baby gang. Il progetto si realizza attraverso le seguenti azioni:

- l’attivazione di laboratori interdisciplinari programmati sulle capacità e attitudini dei ragazzi per piccoli gruppi;

- la realizzazione di attività, in collaborazione con i ragazzi, all’interno delle scuole di appartenenza e/o del quartiere;

- l’attivazione di percorsi di gruppo per sostenere il confronto fra pari su tematiche quali i fenomeni di rischio e disagio, l’orientamento, i percorsi formativi ed educativi;

- il coinvolgimento di eventuali studi di ricerca strutturati sui temi del drop out e dell’abbandono scolastico.

- la collaborazione tra insegnanti, educatori, operatori sociali, nella progettazione delle attività e nell’ideazione di nuove forme di intervento;

- I ragazzi vengono inseriti nel percorso a seconda degli obiettivi del progetto individuale e delle loro esigenze. I laboratori hanno l’obiettivo a lungo termine che attività e interventi sperimentati possano diventare patrimonio della scuola, replicabili quindi all’interno con organizzazione e risorse indipendenti.

- Il numero dei ragazzi candidabili, varia a seconda degli interventi individuali attivati modulando i gruppi dei ragazzi con una frequenza settimanale diversificata. Tenendo conto che spesso gli invii riguardano ragazzi che accumulano assenze, che debbono essere fortemente rimotivati e che presentano situazioni socio-familiari fragili, riteniamo opportuno proporre una frequenza oraria flessibile, programmata per step, prevedendo l’attivazione dei trasporti da parte degli educatori per raggiungere la sede delle attività e limitare le possibili assenze.

- L’offerta laboratoriale:

I laboratori che proponiamo possono riguardare diversi ambiti, tra i quali

:• Ciclofficina: si apprendono tutte le tecniche per la riparazione delle biciclette

• Laboratorio meccanica: vengono smontati, manutenuti e rimontati piccoli attrezzi.

• Falegnameria: realizzazione di panchine, tavoli e oggetti di arredo con materiali di recupero (pallet).

• Laboratorio PC: smontaggio e separazione di parti di PC dismessi per permettere il riciclo e lo smaltimento corretto.

• Laboratorio di ceramica • Laboratorio di cucina • Gruppo Manutenzione degli spazi scolastici comuni

• Laboratorio di decoupage

. • Laboratorio dell’Arte del Riciclo (La bottiglia di plastica viene trasformata in opera d’arte).

-Movida, come far coesistere le esigenze dei frequentatori dei locali con quelle dei residenti, che lamentano da anni problemi di ordine pubblico e di inquinamento acustico fino a tarda ora?

"Il fenomeno della Movida selvaggia e degli episodi di violenza, di schiamazzi notturni, di danneggiamenti al patrimonio pubblico e privato – soprattutto in previsione dell’allentamento delle misure restrittive dovute alla pandemia – è oggetto di Osservatorio territoriale per la sicurezza del territorio da tenersi con Prefettura e Polizia Locale e di Stato, Carabinieri, per monitorare la situazione sul territorio in primis nelle ore serali e notturne. Onde evitare momenti di poca sicurezza durante le serate della movida, ci dovranno essere più controlli nelle ore tarda serata e notturne, specialmente nei luoghi dove di sera avviene più concentrazione dei giovani. Onde evitare momenti di schiamazzo notturno e di spaccio, che mettono a grave rischio di disagio e di estrema insicurezza in cui vivono gli abitanti delle zone della cosiddetta movida nella nostra città /municipalità. Si attiveranno iniziative culturali per offrire spazi e modalità di aggregazione, con "aree dedicate ad accogliere spettacoli dal vivo, dalla musica, al teatro, al cinema, ai dibattiti e alle presentazioni di libri". Sarà un primo momento questo per limitare un’idea di divertimento fuorviante e dannosa: quella dello sballo totale che deriva da un abuso di alcool ormai fuori controllo, che investe i nostri giovani, spesso minorenni, con la compiacenza di esercenti senza scrupoli che svendono a pochi euro cocktail e superalcolici. Sarà garantita anche con controlli seri il riposo per chi vive nei quartieri della movida, limitando l’orario di apertura dei locali, concordandolo con gli stessi esercenti del luogo. Saremo sempre al fianco del cittadino e per la rinascita del nostro territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali 2021, l'intervista al candidato presidente Parulano: "Garantito con controlli seri il riposo per chi vive nei quartieri della movida"

NapoliToday è in caricamento