Politica

L’avv. Di Monda illustra il progetto “NET”: l'intervista

"Nuove energie nel territorio" è il network socio-culturale, presentato nei giorni scorsi dall'ex candidato sindaco di Napoli nel 2011, che ha l'intento di aggregare tutte le energie positive del territorio a partire dai movimenti civici

Di Monda

Aggregare energie positive sul territorio, che siano queste movimenti civici, singoli cittadini o politici slegati dalle logiche meramente partitiche. E’ questo l’intento principale di “NET”, acronimo di “Nuove energie nel Territorio”, il network socio-culturale presentato nei giorni scorsi a Napoli dall’avv. Raffaele Di Monda, già candidato sindaco per il capoluogo campano nel 2011.

Per saperne di più, Napoli Today ha contattato proprio l’avv. Di Monda, che ha illustrato con grande chiarezza le linee programmatiche di questo nuovo progetto: “Con NET intendiamo realizzare ciò che a nessuno è riuscito sin qui: mettere insieme cittadini, associazioni e politici nauseati dai partiti, per fare in prima persona qualcosa di diverso e positivo per il proprio territorio”.

“Nonostante sia nato da poco – spiega Di Monda – NET è riuscito già ad aggregare un migliaio di persone provenienti da tutta la provincia di Napoli e alcuni importanti movimenti, come ad esempio “Noi Consumatori” dell’avv. Angelo Pisani e l’Associazione Socio Culturale “Progetto Pianura”. Molte altre ancora sono le realtà che si stanno avvicinando a noi, a partire da persone con un vissuto politico alle spalle, ma che alla politica hanno solo dato senza prendere”.

Tra le novità più interessanti previste da “NET”, c’è anche quella di una tv partner ufficiale, “Area Blu”, e dei veri e propri corsi di formazione politica in streaming per tutti i cittadini impegnati nel network: “Il Movimento Cinque Stelle ha sicuramente dato una scossa alla politica, ma noi intendiamo puntare soprattutto sulla preparazione e sulle competenze, non sull’improvvisazione. E’ per questo motivo che realizzeremo questi corsi”.

Tra i problemi concreti da cui intende partire “Nuove energie nel territorio”, ce ne sono soprattutto due: “Il primo – spiega Di Monda – è sicuramente quello della questione ambientale. Presenteremo alle istituzioni alcuni nostri studi, con grande attenzione per la “Terra dei Fuochi” e per il litorale flegreo. Il secondo invece, che ormai da anni è diventato un mio cavallo di battaglia, è quello dell’attacco alle sovrintendenze. Non è tollerabile che queste ultime continuino a “legare le mani” ai comuni, che invece hanno bisogno di poter agire con tempestività, senza dover chiedere il permesso a nessuno. A Napoli, ad esempio, potremmo avere il primo lungomare del Mondo, con un conseguente incremento di turismo, occupazione e sviluppo, ma le sovrintendenze finiscono per bloccare sempre tutto. Già la settimana prossima sarà pronta una bozza di proposta di legge che presenteremo al ministero competente. Lo riteniamo un passaggio fondamentale per il rilancio del territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’avv. Di Monda illustra il progetto “NET”: l'intervista

NapoliToday è in caricamento