Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini al Vasto: "Staneremo gli immigrati abusivi palazzo per palazzo"

 

"Controlleremo palazzo per palazzo, citofono per citofono, per trovare tutti gli occupanti abusivi e mandarli via". Con queste parole il ministro dell'Interno Matteo Salvini, ha concluso la sua prima tappa della giornata napoletana. Il leader della Lega ha fatto visita a don Vincenzo, il parroco della chiesa di via Milano, nel Vasto, zona dove negli ultimi mesi è cresciuta la tensione tra la comunità italiana e quella migrante, anche a causa della presenza di un centro di prima accoglienza. 

LA GIORNATA DI MATTEO SALVINI A NAPOLI

Il ministro è stato accolto con cori e applausi dai residenti italiani, ma era atteso con impazienza anche dai migranti, regolari e non, che avrebbero voluto chiedergli rispetto di chi ha il permesso di soggiorno e documenti più rapidi per chi lavora e attende da anni la regolarizzazione. "L'obiettivo è arrivare a zero richieste di asilo in questa zona. Già siamo scesi da mille richieste a 600 - ha affermato il ministro - Non è razzismo, è una questione di numeri e di buon senso. Il parroco mi ha confermato che la situazione negli ultimi due anni è peggiorata". 

Vasto, applausi dai balconi all'arrivo del leader leghista

Più controlli, ma anche più uomini delle forze dell'ordine: "Entro la fine dell'anno vogliamo dotare Napoli di altri cento uomini - ha concluso Salvini - Aumenteremo i controlli, batteremo tutte le strade. L'obiettivo è ripulire il Vasto e non solo il Vasto". Il ministro ha scambiato poche parole con alcuni cittadini italiani e con una donna immigrata con permesso di soggiorno prima di spostarsi in Prefettura per il Comitato di ordine pubblico e sicurezza. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento