Migranti richiedenti asilo, de Magistris: "Avevamo ragione noi come conferma la Corte Costituzionale"

Già il 15 gennaio 2019 il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, aveva firmato una direttiva riguardante l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo

foto di repertorio

“Avevamo ragione noi e il coraggio e la competenza ci hanno sostenuto nella ricerca della verità!” questa la dichiarazione del Sindaco de Magistris alla pubblicazione del comunicato stampa della Corte costituzionale. 

"Ce l'abbiamo fatta anticipando anche la sentenza della Suprema Corte, individuando sin da subito profili di incostituzionalità, a solo detrimento degli ultimi, degli indifesi”.
Era il 15 gennaio dello scorso anno 2019 quando il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, firmava una direttiva per l’ufficio anagrafe in merito "all’applicazione dell’art. 13 c.1 bis della legge n. 132/2018", riguardante cioè l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Acrobati dell'amministrazione, non andremo in default ed è un miracolo laico": l'intervista

"Ubbidendo alla Costruzione in nome dei diritti, Napoli - prosegue il Sindaco de Magistris - ritenne doveroso non privare i cittadini stranieri in possesso di permesso di soggiorno provvisorio rilasciato ai migranti richiedenti asilo, ai sensi dell’art. 4 comma 1 del d.lvo 142/15, della possibilità di essere inseriti nello schedario della popolazione temporanea. A distanza di più di un anno e mezzo, la Corte Costituzionale dichiara “irragionevole” la norma che preclude l'iscrizione anagrafica ai richiedenti asilo. Vince la ragione e il coraggio della città di Napoli, che ha anticipato il contenuto della sentenza della Corte Costituzionale."
"Una giornata importante per l'attuazione dei diritti fondamentali costituzionali; la Corte, infatti, ha per il momento dichiarato l’incostituzionalità per violazione dell’articolo 3 della nostra carta costituzionale sotto due profili: “irrazionalità intrinseca” e “irragionevole disparità di trattamento”, una bocciatura piena alla deriva autoritaria che il decreto sicurezza aveva avviato in Italia.
Una sentenza che attende ora il deposito, ma che segna il passo verso la giustizia, la civiltà e l'integrazione." continua il primo cittadino
"Ancora una volta, Napoli ha avuto un pensiero avanzato sull’obbrobrio del decreto sicurezza, contrastando dal primo momento la volontà di cancellare e rendere invisibili decine di migliaia di persone, già in fuga da luoghi di guerra e di violenze e che hanno trovato nella nostra città chi ne ha ascoltato e accolto le istanze di accoglienza.
È il coraggio la vera strada della verità e a Napoli non manca, lo stiamo dimostrando da anni e continueremo a farlo, in ogni luogo e per la definizione dei diritti fondamentali, costituzionalmente orientati. Ora il Parlamento cancelli le leggi sicurezza." conclude de Magistris

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

  • La tragedia di Maya: travolta e uccisa a 15 anni su piazza Carlo III

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento