rotate-mobile
Martedì, 20 Febbraio 2024
Politica

Da Giorgia Meloni levata di scudi contro Vincenzo De Luca. La risposta del presidente della Regione Campania

De Luca a Meloni: "Lei può immaginare davvero di prendere per i fondelli i suoi interlocutori? Con tutto il rispetto non è un cavallo per la sua coscia"

Mentre fervono i preparativi per la manifestazione per il Sud delle autonomie locali, in calendario il prossimo 16 febbraio a Roma, dopo i botta e risposta con il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano sui fondi di coesione, a scendere in campo contro il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è il presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Il post Facebook

Il presidente Meloni su Facebook scrive: "Imbecilli, farabutti, delinquenti politici”. Con questa elaborata analisi il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, appella il Governo per illustrare la sua posizione sui fondi di coesione. Mi chiedo e chiedo alla segretaria Elly Schlein se non ritenga, a nome del Partito Democratico, di prendere le distanze da queste intollerabili violenze verbali, autentiche intimidazioni, espresse da parte di un rappresentante delle istituzioni e del suo partito. Abbiamo atteso un segno di dissociazione e di condanna, finora inutilmente. Se non arrivasse, prenderemo atto del fatto che questi sono gli impresentabili metodi democratici del PD".

La risposta del PD

Tra i commenti al post Facebook di Giorgia Meloni salta subito agli occhi quella di Andrea Orlando che scrive: “Onorevole Meloni, posso chiederle se approfittando di questo richiamo al bon ton, che immagino estenderà agli esponenti della sua maggioranza e in particolare al suo vice, onorevole Salvini, può dirci se è vero o meno che state riducendo i fondi destinati al Mezzogiorno? Cordiali saluti".

La risposta di De Luca

La risposta di De Luca è arrivata dopo poco ed è nel consueto stile tagliente: "Sono onorato e commosso per l'attenzione che mi dedica l'onorevole Meloni - dice Vincenzo De Luca - Davvero non merito tanto. Ma stia sereno il premier! Davvero non ha motivo né di zelarsi né di preoccuparsi. Intanto, le rivolgo da subito un invito a un confronto pubblico, dove e come lei ritiene, sui problemi di merito, rispetto ai quali non viene data mai nessuna risposta.

1) Intanto, si informi la Meloni sui comportamenti che nei territori assumono i suoi allievi politici, fino ad azioni di vero e proprio sciacallaggio. Avrà modo di verificare quanto moderate e sobrie siano le mie conseguenti parole.

2) Risponda nel merito, il premier, sulle politiche del governo, senza lamentosità a vuoto. Sui fondi coesione il Governo ha accumulato un ritardo di un anno e mezzo, bloccando opere, cantieri, e occasioni di lavoro. Noi siamo per la burocrazia zero. I ritardi clamorosi del Governo faranno aprire i primi cantieri con tre anni di ritardo. Ho segnalato all'on. Meloni questo problema già da sei mesi in un rapido incontro avuto all'aeroporto di Capodichino (disturbati dalla sua invadente collaboratrice).

Da allora, non si è mossa una foglia. Sono bloccati gli interventi per i Campi Flegrei, le opere stradali, la programmazione culturale, il recupero di beni storico-artistici.

Inoltre, il blocco arbitrario dei fondi del programma complementare (un miliardo e 300 milioni che si aggiungono al blocco dei 6 miliardi di fondi per la coesione della Campania) rischia di mandare in dissesto oltre 200 Comuni ed enti territoriali che non hanno risorse per completare gli interventi Fesr del precedente programma. Vengono inventate procedure cervellotiche e arbitrarie per allungare i tempi di decisione. Vengono diffusi dati falsi, non aggiornati per motivare una vera e propria discriminazione politico-istituzionale.

Un Governo serio avrebbe stipulato con la Campania il primo degli accordi di coesione.

Da un anno e mezzo ci viene ripetuto che il ministro Fitto è alla ricerca delle "coerenze" universali fra tutti gli interventi che riguardano i territori e sui quali il ministro non ha nessuna competenza per intervenire. E questo, mentre si consuma il fallimento penoso della Zes Unica per il Sud, che doveva partire a gennaio, ed è bloccata completamente con le relative misure per la erogazione del credito di imposta.

3) Illustre Presidente, sappiamo io e lei quali sono i metodi democratici, "politicamente corretti", per esercitare forme di discriminazione. Ma lei può immaginare davvero, insieme con il suo allievo Fitto, di prendere per i fondelli i suoi interlocutori? Con tutto il rispetto non è un cavallo per la sua coscia (come direbbe Montanelli!).

4) Non si finga turbata per qualche (più che meritata) sciabolata verbale. Io e lei siamo abbastanza animali politici!

Ricordo di passaggio che lei non ha fatto una piega di fronte all'aggressione squadristica alla sede della Cgil, qualche tempo fa! La invito a sbloccare rapidamente risorse che appartengono al Sud. Stiamo assistendo a un paradosso insopportabile: mentre si parla di autonomia differenziata e di decentramento dei poteri, si mette poi in campo la più grande operazione di centralizzazione nelle mani del premier (Pnrr, Fondi di coesione, Zes unica, fondo di perequazione infrastrutturale, scioglimento dell'Agenzia per la Coesione), con la prospettiva di fare affondare il Paese (la "nazione"), in una palude burocratica mai vista!

5) A parte qualche mia parola da lei e dai suoi allievi ampiamente meritata, io non le ho mai fatto del male.

Come le è venuto di evocare l'onorevole Schlein? (Le rinnovo la richiesta di un incontro insieme con i rappresentanti dell'Anci Campania e del Sud, per venerdì 16, quando saremo a Roma per sollecitare risposte concrete per i nostri territori)."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Giorgia Meloni levata di scudi contro Vincenzo De Luca. La risposta del presidente della Regione Campania

NapoliToday è in caricamento