Politica

Maresca sulle alleanze: "Risponderemo a chi vorrà unirsi. De Luca? Condivido molte sue scelte"

Il candidato sindaco ha incontrato i commercianti di via dei Tribunali. "Penso ci debba essere grande discontinuità, non solo rispetto al modello di de Magistris ma a un modello che ha provato ad amministrare per 35 anni questa città e non ci è riuscito"

Catello Maresca, candidato a sindaco di Napoli e pm in aspettativa, si è recato al centro storico della città, in via Tribunali, per incontrare ristoratori, pizzaioli e commercianti. Non ha voluto commentare il decennio di Luigi de Magistris "ma credo - ha aggiunto - che ci debba essere grande discontinuità, non solo rispetto al modello di de Magistris ma a un modello che ha provato ad amministrare per 35 anni questa città e non ci è riuscito. Dobbiamo sforzarci tutti insieme per elaborare modelli nuovi, sicuramente da questo punto di vista la nostra sarà una proposta diversa".

Maresca è in attesa del sostegno ufficiale da parte dei partiti di centrodestra Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. "Ieri ho letto con piacere che Coraggio Italia ha fatto una grande apertura verso il nostro progetto. Noi siamo pronti ad accogliere tutti quelli che vogliono ragionare per il bene di Napoli, quindi chiunque ci telefonerà risponderemo", ha spiegato. Ma lascia aperta anche un'altra porta. "Partiamo dal rispetto delle istituzioni, e io credo di averlo rappresentato per 22 anni da magistrato. Io, oltre a rispettare il presidente De Luca come presidente della Regione, lo rispetto anche profondamente come uomo. Ne condivido molte scelte, qualcosa no, ma è chiaro che sia così". "La possibilità e la capacità di confrontarsi sulle questioni concrete e sulle soluzioni per Napoli sarà sicuramente un buon punto di partenza", ha aggiunto.

Per Maresca "l'interesse è fare cose buone per Napoli. Quindi, se ci sono delle cose positive che sono state fatte le salveremo. Anzi, partiremo da lì per fare meglio". "La prima proposta che faccio - ha proseguito - è ascoltare le esigenze dei commercianti, delle persone che vivono il quartiere. Da qua dobbiamo ripartire, l'istituzione non può essere lontana, non può venire qui e proporre la sua soluzione. La soluzione deve essere quella della gente, dobbiamo ripartire da qua, dall'ascolto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maresca sulle alleanze: "Risponderemo a chi vorrà unirsi. De Luca? Condivido molte sue scelte"

NapoliToday è in caricamento