Giovedì, 16 Settembre 2021
Politica

Manfredi: "Ecco cosa ne sarà del Lungomare con me sindaco"

Il candidato di Pd e M5s spiega i suoi progetti e invita l'amministrazione attuale ad approvare il bilancio previsionale. Capito liste: "Mi appoggiavano 25 formazioni, in nome della semplificazione saranno 12 o 13"

"Mi auguro che l'Amministrazione comunale approvi rapidamente il bilancio previsionale, perché siamo alla fine di luglio e ancora non abbiamo il bilancio approvato. Questo rappresenta un grande problema per la città e un limite enorme per la funzionalità del Comune". Così Gaetano Manfredi, candidato sindaco di Napoli del centrosinistra e Movimento 5 Stelle, intervenuto a Radio Crc.

Manfredi ha spiegato che secondo lui si tratta di "un tema cruciale per il futuro della città di Napoli ma anche degli altri Comuni. Proprio ieri a Napoli abbiamo incontrato la viceministra Castelli, che ha la delega alla finanza locale". "C'è stato il primo provvedimento che ha consentito di stanziare risorse per i Comuni in deficit, poi queste risorse andranno consolidate in finanziaria per gli anni successivi e ieri Castelli ha confermato questo impegno. Si sta lavorando sullo scorporo del debito, quindi credo che ci saranno momenti migliori per le finanze del Comune. Napoli è la città più indebitata d'Italia e questo è un passo necessario per fare in modo che le aspettative dei cittadini possano essere consolidate".

"A mio sostegno 12 o 13 liste"

Manfredi ha parlato anche di chi lo sosterrà alle elezioni. "Quando mi è stata proposta la candidatura c'è stata una forte sollecitazione, c'erano 24 sigle al tavolo della coalizione. Io dall'inizio ho subito chiesto che ci fosse una semplificazione, quindi si sta arrivando a una proposta politica che è di 12-13 liste che rappresentano questa coalizione di centrosinistra allargata ai 5 Stelle. È un percorso politico molto naturale". "Tutte le persone che si stanno impegnando e tutte le sigle che si stanno impegnando - ha aggiunto Manfredi - fanno parte dell'area di centrosinistra, quindi mi sembra un percorso naturale che ci consentirà alla fine di avere un'offerta politica molto valida ampia e coesa. Poi saranno i cittadini a giudicare".

"Lungomare pedonalizzato? Un patrimonio"

"Il lungomare rappresenta sicuramente una cartolina della città ma anche un grande patrimonio dei cittadini. L'idea che possa essere pedonalizzato mi sembra che alla fine sia stata accettata dai cittadini e ha rappresentato un'opportunità, che va valorizzata", ha aggiunto ancora l'ex rettore della Federico II. "Per valorizzarlo - ha spiegato ancora Manfredi - dobbiamo da un lato garantire una viabilità che non danneggi gli stessi cittadini, quindi un meccanismo di traffico che sia efficace, quindi evitare che il carico delle auto possa gravare in maniera concentrata su altre zone della città. Ovviamente la Galleria Vittoria riaperta è un aspetto fondamentale". "Dall'altro poi è anche indispensabile che il lungomare venga valorizzato, che diventi un boulevard che garantisca decoro e che valorizzi la realtà di Napoli in maniera gradevole. Esiste un progetto elaborato dall'amministrazione de Magistris che è stato già finanziato e approvato e quando sarò sindaco, se gli elettori vorranno questo, noi sicuramente lo valuteremo in maniera molto attenta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manfredi: "Ecco cosa ne sarà del Lungomare con me sindaco"

NapoliToday è in caricamento