Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Ecco cosa farà Manfredi per il debito di Napoli: tutte le misure

Nel documento “Patto per Napoli” ci sono tutte le scelte condivise col Governo. Ipotesi aumento addizionale Irpef cittadina

"Voglio ripartire dalle periferie, non solo quelle geografiche. Dobbiamo ricominciare dai nostri giovani che emigrano, per studiare o per lavorare. E dalle disuguaglianze che frenano tutto il sud". Così a Repubblica Gaetano Manfredi, neocandidato sindaco di Napoli dopo aver esaminato il 'Patto per Napoli', l'impegno per la città e per i Comuni a rischio dissesto sottoscritto da Letta e Conte con Roberto Speranza di Leu. "Dopo la mia lettera su Napoli - spiega l'ex ministro dell'Università - si è aperto un dibattito nazionale. Non solo su Napoli, ma sul grande tema dei Comuni, rimasto sotto traccia in tempo di Covid. E nel Patto ci sono risposte ad alcune mie richieste".

L'impegno dei tre leader non riguarda, afferma Manfredi, "solo la gestione e alleggerimento del debito: un tassello importante. Quel Patto prevede anche un Piano straordinario per assunzione e riqualificazione di personale". Al Comune di Napoli si è passati in 10 anni dai 10.800 dipendenti del 2011 ai 5mila di oggi, "numeri che dicono già tanto - commenta - delle grandi difficoltà di cui soffrono in proporzione tanti enti locali. Per cui è giusto sia il governo a farsene carico. Un documento importante anche da un altro punto di vista: lo considero un atto di chiarezza, da parte dei leader nei confronti degli elettori. C'è una grande volontà e necessità di ripartire: ma bisogna mettere in moto una macchina. E una città che funziona è un bene di tutti. È servito ragionare di questo".

Per Manfredi è necessario "riconnettere Napoli con l'Europa. Parliamo di una grande città, che da sempre ha un suo respiro culturale e progettuale internazionale. Ma bisogna richiamare tutte le intelligenze, offrire motivi ai giovani per restare. Si partirà dalle periferie: non solo luogo di sofferenza, ma anche di grande opportunità per la crescita. Come le sacche di disagio nel centro storico acuite dal Covid. Bagnoli per me dovrà essere il luogo in cui transizione digitale ed ambientale si incontrano. Il luogo simbolo della nuova Napoli". "Questa non è la partita mia, o del Pd e dei 5S - conclude Manfredi - Questa è una grande sfida collettiva. Perciò, accanto alla gratitudine per la stima di due importanti leader e di tutta la coalizione, metto le parole di incoraggiamento e fiducia che vengono da tanti cittadini. Devo e voglio ascoltare. Molto, tutti. Perché per agire ed incidere su una città splendida e difficile come Napoli, c'è davvero bisogno di una grande partecipazione civile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco cosa farà Manfredi per il debito di Napoli: tutte le misure

NapoliToday è in caricamento