Luigi Iovino arriva in Parlamento in Panda: il più giovane eletto è napoletano

L'esponente del Movimento 5 Stelle ha infatti compiuto 25 anni il 14 gennaio scorso, appena in tempo per candidarsi

Luigi Iovino

Si chiama Luigi Iovino, è di San Paolo Belsito, ed è il più giovane parlamentare eletto della diciottesima legislatura: l'esponente del Movimento 5 Stelle ha infatti compiuto 25 anni il 14 gennaio scorso, appena in tempo per candidarsi.

Iovino oggi ha fatto parlare non soltanto per la sua età, ma anche perché arrivato a Roma con la stessa auto usata in tutta la campagna elettorale, una vecchia Fiat Panda 1100 di colore bianco. Il suo viaggio, in compagnia di un gruppo di amici, è stato raccontato sulla sua pagina Facebook.

Studente di giurisprudenza all'università di Fisciano (Salerno), è stato lì incontrato dall'agenzia Dire cui ha spiegato: "Sono molto emozionato, questa è l'esperienza più bella della mia vita".

In tantissimi, nel campus di Fisciano, si sono complimentati con lui. Nei pressi del bar del dipartimento di giurisprudenza campeggia anche un vistoso striscione dedicato a lui, "On.Iovino non ci pensare, l'importante è partecipare!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono stato eletto a soli 25 anni – ha proseguito - È un risultato incredibile dovuto al lavoro fatto da noi attivisti sui territori e dalle attività portate avanti dai parlamentari in questi anni. Io - ha spiegato Iovino - mi impegnerò tantissimo per il mio territorio, per questo Campus e per tutte le università pubbliche del Sud. Credo sia fondamentale raccogliere le istanze degli studenti e portarle in parlamento. E poi c'è da superare quella perenne lotta tra docenti e studenti. Le politiche di questi anni sono state una causa scatenante di tutto ciò. Noi, professori e studenti, siamo un unico corpo, un'unica squadra, un'unica grande realtà. Le future classi dirigenti si formano tutte qui". La notizia su Today.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

  • Litigio furibondo all'esterno di un bar, giovane presa a schiaffi dal fidanzato

Torna su
NapoliToday è in caricamento