rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Politica

Comunali 2021, il candidato presidente Luigi Ferrara: "Basta friggitorie. Sì a Napoli museo a cielo aperto"

"Napoli non va snaturata, ma va ricondotta agli standard europei che ne possono fare una delle città più attrattive al mondo". L'intervista a Luigi Ferrara, che fa parte della coalizione che sostiene il candidato sindaco Antonio Bassolino

In vista delle Elezioni Comunali 2021, in programma il 3 e 4 ottobre, NapoliToday ha posto tre quesiti (uguali per tutti) ai candidati presidente della Municipalità II. L'intervista a Luigi Ferrara, che fa parte della coalizione che sostiene il candidato sindaco Antonio Bassolino.

-Quali sono i punti principali del suo programma elettorale che intende applicare una volta eletto come Presidente?

"Le priorità del nostro programma elettorale per la II municipalità di Napoli riguardano l'idea che abbiamo di città: verde pubblico, spazi comuni, illuminazione e videosorveglianza, promozione culturale e turistica. Insomma, partire dal cuore di Napoli centro per rendere la nostra una vera città d'arte e a misura di cittadino. Mi si permetta, su tutto, di sottolineare attraverso una frase emblematica cosa io pensi riguardo al concetto della "città d'arte" che citavo: basta proliferare di pizzetterie e friggitorie, sì invece a Napoli museo a cielo aperto. Nel prossimo decennio immaginiamo una città fruibile con servizi efficienti per chi arriva da altre zone del mondo (segnaletica, info point, trasporti) e vivibile per chi, ogni giorno, ne coglie meraviglie e contraddizioni. Napoli non va snaturata, ma va ricondotta agli standard europei che ne possono fare una delle città più attrattive al mondo".

-Dispersione scolastica e fenomeno baby gang. Come si può riuscire concretamente a dare delle opportunità ai più giovani?

"Colgo nella sua domanda un aspetto che condivido: il fenomeno delle baby gang e della micro e giovane criminalità è direttamente proporzionale al grado di istruzione che riusciamo a garantire ai nostri ragazzi e alle prospettive lavorative che questi hanno. Intendo dire, con questo, che non possiamo ridurre il fenomeno a una mera questione di sicurezza che si risolve con repressione e coercizione. E' vero invece, io credo, che occorra pensare a un cambio di paradigma profondo: scuole aperte tutto il giorno, città vivibile nei suoi luoghi (piazze e strade), biblioteche comunali adatte e disponibili e, tema principale, occasioni di lavoro. Il Comune di Napoli è ampiamente sotto organico, idem per tutte le aziende municipalizzate. E', dunque, il momento di rilanciare un grande, enorme, piano assunzionale per ridare respiro all'Ente. Ovviamente, e ne sono cosciente, questa è una battaglia politica ad ampio raggio che non compete soltanto alle municipalità. Sono certo, infatti, che il Sindaco Bassolino se ne farebbe carico verso la Regione e verso il Governo".

-Movida, come far coesistere le esigenze dei frequentatori dei locali con quelle dei residenti, che lamentano da anni problemi di ordine pubblico e di inquinamento acustico fino a tarda ora?

 "Innanzitutto voglio dire che è possibile far coesistere movida e ordine pubblico. Non comprendo perché ciò avvenga in mezza Europa e non possa essere realizzato a Napoli. La nostra è la terza città d'Italia, una delle metropoli più belle e grandi del continente, e sarebbe folle immaginare che possa vivere solo di giorno e non 24 ore su 24. C'è però da fare una considerazione di premessa: se Napoli vuole diventare davvero città europea da vivere di giorno e di notte deve garantire servizi a tutte le ore e il rispetto delle regole di civiltà deve valere alle 10 del mattino come alle 2 di notte. Non devono mancare i presidi delle forze dell'ordine a garanzia di tutti, ma la vera sfida è di carattere cittadino e non solo municipale: dobbiamo infatti decongestionare la zona del centro e spostare parte della cosiddetta "movida" in altre zone della città. Su tutte, penso al Centro Direzionale, cui si rende necessario dare una vivibilità anche serale. E' questo il primo asset su cui lavorerò da Presidente".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali 2021, il candidato presidente Luigi Ferrara: "Basta friggitorie. Sì a Napoli museo a cielo aperto"

NapoliToday è in caricamento