menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il rapper Lucariello si candida con i Cinque Stelle al Parlamento Europeo

Ha proposto la sua candidatura e ha dato l'annuncio con un post su Facebook. Per lui un posto sicuro nelle liste pentastellate

“Io ci credo” e le cinque stelle in fila. Così il rapper napoletano Lucariello ha annunciato la sua proposta di candidatura al Parlamento Europeo nelle liste del Movimento cinque stelle. La sua proposta dovrà essere vagliata, non è chiaro se dalla piattaforma Rousseau o se sia stato scelto direttamente dal capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, ma è chiaro che un “nome” della sua portata abbia già un piede e mezzo nelle liste pentastellate. Con un lungo post su Facebook, Luca Caiazzo ha spiegato le ragione della sua scelta e la sua idea di Europa che intende portare con sé a Bruxelles.

Il post su Facebook

“Ho avanzato la mia proposta di candidatura al Parlamento Europeo con il Movimento 5 Stelle. In questi anni ho girato tanto, ho visto le ingiustizie e i talenti sprecati, la bellezza e la forza della mia gente. Mi sono sentito tradito dalle ideologie e dai partiti che non sono più capaci di dare risposte, ho trovato nel Movimento una nuova speranza attiva. Troppi sono bravi a lamentarsi e indignarsi, pochi vogliono impegnarsi e trovare soluzioni, per questo ho deciso di metterci il cuore e la faccia. Se deciderete di portarmi in Europa la partita che mi interessa è quella del Sud. Bisogna semplificare e incrementare l'accesso ai fondi europei per i giovani residenti al sud.

Ho visto troppi ragazzi pieni di idee e capacità andarsene all’estero. Gli standard qualitativi delle scuole devono essere uniformati a livello europeo, nei contesti difficili i bambini devono essere seguiti insieme ai genitori dai primissimi mesi di vita. Le carceri minorili sono piene di ragazzi semi-analfabeti che trovano nel mondo criminale l’unico orribile luogo dove esprimere le proprie ambizioni. Per i burocrati e i grandi gruppi finanziari che monopolizzano le istituzioni europee siamo solo numeri. Diritti sociali, sanità, scuole, sono solo cifre di un saldo. L’importante compito del nuovo Parlamento Europeo sarà quello di rendere l’Europa una grande Madre che ascolti con maggiore attenzione proprio quei figli che sono in difficoltà”.

L'annuncio non è stato preso benissimo dai molti suoi fan che non ne hanno fatto mistero sulla sua pagina Facebook commentando il post con una serie di insulti poco lusinghieri. C'è addirittura chi incredulo avanza l'ipotesi che gli sia stato hackerato il profilo. Non sono mancati però anche coloro che hanno sostenuto la sua scelta che sicuramente farà discutere nel mondo della musica che approda nei Cinque stelle dopo le adesioni di volti noti del mondo del giornalismo e del cinema. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento