rotate-mobile
La polemica

Liste Pd, le reazioni. Mastella: “Campania trattata da Terzo mondo. Invasa”

Pagano (Italia Viva): “Il Pd ha abbandonato il riformismo”

"Il Pd tratta la Campania da terzo mondo. La invade, la mortifica, maltratta i cittadini campani. Sceglie mezzi leader senza consenso popolare e sacrifica aspirazioni e qualità. Un tempo la Campania dominava la scena politica italiana. I ceti dirigenti erano riferimento nazionale. Oggi subisce una clamorosa invasione. Prenderanno i voti e poi con una magia politica spariranno. Che malinconia. Spero che i campani sappiano reagire". Così in una nota Clemente Mastella, segretario nazionale di Noi Di Centro.

"Ha ragione Matteo Renzi quando dice che non si fa politica con risentimento, ma con sentimento. E condivido anche il giudizio che ha espresso sulle liste del Pd. Essendo stata due volte di seguito presidente regionale del partito in Campania e avendo avuto la responsabilità di rappresentare il Pd nel mezzogiorno in Europa mi sia consentito dire che l'esclusione delle migliori espressioni riformiste sul territorio da Alessandro Maran a Stefano Ceccanti e Tommaso Nannicini per finire al clamoroso caso di Enzo Amendola, dimostra che il Pd di oggi ha definitivamente abbandonato lo spirito grazie al quale è nato". Così in una nota Graziella Pagano, coordinatrice Italia Viva Napoli. "La piattaforma del Lingotto di Walter Veltroni è ormai un ricordo lontano. Per questo è ancora più importante lavorare al successo del polo liberal democratico. Mi appello ai tanti amici ed ex compagni di partito, uomini e donne che non accettano questa deriva che mortifica i territori e le energie più forti. Dateci una mano - conclude Pagano - a rafforzare il fronte repubblicano del buon senso con Matteo Renzi e Carlo Calenda. È ora di scrivere una pagina nuova tutti insieme".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liste Pd, le reazioni. Mastella: “Campania trattata da Terzo mondo. Invasa”

NapoliToday è in caricamento