menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadinanza onoraria per Liliana Segre, ma c'è chi si astiene: "Non ha mai avuto a che fare con la città"

L'approvazione è arrivata oggi in Consiglio comunale, ma c'è stato un astenuto

Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Giugliano. A stabilirlo il Consiglio comunale che ha votato il riconoscimento quasi all'unanimità, visto l'astensione del consigliere Paolo Conte. Tra i favorevoli, invece, il consigliere Francesco Cacciapuoti: "Nonostante un solo astenuto, oggi abbiamo approvato la proposta di conferimento della cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre che è riuscita a trarre attenzione e riflessione dell'intero paese in merito ad una colpa individuale e collettiva, ovvero indifferenza comune che favori il compimento dell'orrido disegno nazi-fascista".

"In questa giornata non solo riconosciamo la cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre nella città dei 13 martiri del nazifascismo, ma si riconosce la sua preziosa testimonianza e la sua capacità di poter coltivare la memoria".

"Non ha mai avuto a che fare con la città"

Come detto, il riconoscimento ha trovato l'astensione del consigliere Paolo Conte. Queste le motivazioni che lo avrebbero spinto a tale decisione: "Stiamo parlando di … … una instancabile ed autorevole testimonianza, memoria viva di una delle più grandi tragedie collettive prodotte dalla civiltà umana e segnatamente europea. Un monito vivente all'affermazione dell'umanità e della civiltà sulla sopraffazione e sulla disuguaglianza. - E per queste ragioni è stata nominata senatrice a vita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il 19 gennaio 2018".

"La signora Segre è una senatrice a vita, per le ragioni e per le argomentazioni sin qui rappresentate di cui, NOI TUTTI, condividiamo. - La domanda è: serve anche la cittadinanza di Giugliano? La signora Segre non ha mai avuto a che fare con la nostra città, né noi siamo stati parte della sua storia. CREDO che la cittadinanza onoraria abbia senso se la città che la concede ha avuto una parte, anche piccola, nel percorso di vita di una persona".

"Ce lo dice, tra l’altro, il REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONFERIMENTO DELLA CITTADINANZA ONORARIA, all’articolo 2 nella parte in cui specifica che “l'istituto della "Cittadinanza Onoraria" costituisce un riconoscimento onorifico per chi, non essendo iscritto nell'anagrafe del comune, si sia distinto particolarmente nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell'industria, del lavoro, della scuola, dello sport, con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico o in opere, imprese, realizzazioni, prestazioni in favore degli abitanti di Giugliano in Campania in azioni di alto valore a vantaggio della Nazione o dell'umanità intera”.

PURTROPPO, non abbiamo avuto la FORTUNA di incrociare la storia della signora Segre con la nostra e non avrebbe senso TRACCIARE un legame che non c’è mai stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, de Magistris sul contagio: "Zona rossa sempre più verosimile"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento