menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Influenza A, Fazio a Napoli: “Il problema sarà se il virus muterà”

Oggi il viceministro della Salute Ferruccio Fazio è in visita a Napoli per fare un punto sull'influenza A. In mattinata si è tenuto un tavolo istituzionale alla regione, quindi Fazio è andato in visita negli ospedali

E' sempre alta l'attenzione a Napoli sull'influenza A, dove il tasso di contagio è doppio rispetto alla media nazionale: stamattina il viceministro della Salute Ferruccio Fazio è nel capoluogo. 

Nella sede della Regione si è tenuto un vertice istituzionale per fare il punto sull'influenza A: al tavolo, con Fazio, erano presenti l'assessore regionale alla Sanità Mario Santangelo e i tecnici del ministero e della Regione. Precedentemente il vice ministro ha incontrato Bassolino.

Al termine della riunione, il vice ministro alla Salute si è recato in visita all'ospedale Cotugno accompagnato dall'assessore  Santangelo. Prima di lasciare l'ospedale Fazio ha commentato: "Non abbiamo preso ancora nessuna decisione." Mentre lasciava il Cotugno, una signora anziana con la mascherina, con problemi di deambulazione, si è avvicinata alla vettura del ministro e ha gridato chiedendo l'aiuto delle istituzioni per l'emergenza: “Aiutateci, aiutateci ministro, altrimenti qui facciamo tutti una brutta fine"

  Il problema in Campania credo sia dovuto alla alta densità abitativa  
Al termine delle visite Fazio ha dichiarato alla stampa: “Questa è un'influenza che fa pochi morti. Dopo la Campania interesserà sicuramente tutte le altre regioni. Il problema in Campania credo sia dovuto alla alta densità abitativa. Il problema piuttosto sarà se il virus muterà. Se il virus muta o se si combina con quello della viaria - ha sottolineato Fazio - allora la mortalità crescerà. Per questo motivo il virus H1N1 va bloccato entro il 2010 e bisogna fare la campagna di vaccinazione per evitare guai peggiori.”

Quindi il ministro ha parlato anche del vaccino: “"In Italia sono circa 7 milioni i malati cronici da vaccinare subito a causa dell'influenza A. Prevediamo di riuscire a vaccinare tutti entro i primi di dicembre. Poi potremmo pensare alla vaccinazione dei bambini e della popolazione giovane". Riguardo alla polemica sugli eventuali rischi del vaccino, Fazio ha detto:"E' stato testato ed approvato dagli organi preposti e dal Consiglio Superiore di Sanità. Sappiamo che, come tutti i vaccini, può avere effetti collaterali topici, ovvero locali. Si tratta comunque di casi rarissimi che sono monitorati dall'Aifa". Riguardo infine alla produzione del vaccino, Fazio ha detto che "il ritmo di produzione è congruo con i periodi stabiliti"
onitorati dall'Aifa". Riguardo infine alla produzione del vaccino, Fazio ha detto che "il ritmo di produzione è congruo con i periodi stabiliti".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Attualità

La Fontana del Tritone torna a vivere dopo sei anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento