menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Welfare e giovani: incontro tra le amministrazioni di Napoli e Bologna

Dopo la tavola rotonda, la giornata è proseguita con una visita alla Pizzeria dell'Impossibile e alla Casa dei Giovani di Pianura

Le amministrazioni di Napoli e Bologna si sono incontrate a Palazzo San Giacomo per discutere di welfare e politiche giovanili. All’incontro hanno partecipato il vicesindaco di Napoli Raffaele del Giudice, gli assessori napoletani al welfare Roberta Gaeta, ai giovani Alessandra Clemente, il vicesindaco di Bologna Marilena Pilati, l’assessore bolognese al welfare Luca Rizzo Nervo, e i presidenti delle ACLI di Napoli e Bologna, Gianvincenzo Nicodemo e Filippo Diaco.

Dopo la tavola rotonda, la giornata è proseguita con una visita alla Pizzeria dell’Impossibile, nel centro storico di Napoli, e alla Casa dei Giovani di Pianura, entrambe esperienze vitali di politiche sociali e giovanili realizzate dall’amministrazione napoletana.

“Siamo entusiasti – ha dichiarato il vicesindaco di Napoli Raffaele Del Giudice – di questo confronto con Bologna: è l'importante avvio di un dialogo fra le città, che sono i livelli istituzionali più direttamente coinvolti nella vita quotidiana dei cittadini. In questo momento storico che conosce situazioni sociali inedite è essenziale il confronto sulle scelte adottate dalle diverse amministrazioni”.

“La vicinanza di amministrazioni, che pure sembrano lontane e operano in contesti diversi per dimensioni, storia e contesto sociale è molto più evidente quando ci si confronta – ha detto il vicesindaco di Bologna Marilena Pilati – perché ci sono obiettivi comuni. Un’esperienza come quella che ha Napoli in certi ambiti può essere davvero di grande aiuto per una città come Bologna, che solo di recente ha dovuto affrontare criticità legate a trasformazioni sociali molto forti”.  

“Abbiamo messo a fuoco – ha spiegato l'assessora napoletana al welfare Roberta Gaeta - le problematiche che ci accomunano, per raccogliere proposte operative da condividere a partire dalle specifiche esperienze territoriali. I bisogni dei cittadini sono punti in comune nei quali riconoscersi, perché è basilare mettere al centro le persone”.

“La messa in comune di buone pratiche, ma anche la messa in comune di problemi irrisolti - ha dichiarato l'assessore bolognese al welfare Luca Rizzo Nervo - credo che possa aiutarci a superarli. "Viviamo come tutte le città - ha proseguito - un’evoluzione demografica e sociale molto forte (pensiamo ai temi dei migranti e della povertà) che si è inserita nelle nostre città con una forza prima sconosciuta, e ci chiede di immaginare soluzioni nuove”. 

“Mettiamo in piedi un vero e proprio cantiere fra pubbliche amministrazioni – ha concluso l’assessora napoletana ai giovani Alessandra Clemente – fra due città importanti come Bologna e Napoli ed è questo un primo passo per lo sviluppo di azioni concrete e forti per i ragazzi delle città”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento