menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rosa Russo Iervolino

Rosa Russo Iervolino

Iervolino choc: "Il Comune aiuta la camorra senza volerlo"

L'ex primo cittadino partenopeo, in un'intervista al settimanale Oggi, ha spiegato come le organizzazioni criminali siano capaci di infiltrarsi nelle "crepe" provocate da alcuni meccanismi dalla politica

"Senza volerlo abbiamo aiutato la camorra". La denuncia, di quelle forti, arriva dall'ex sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino nel corso di un'intervista rilasciata al settimanale Oggi. L'ex primo cittadino partenopeo prende spunto dal caso di Giovanni Schiavon, imprenditore padovano suicida per non esser riuscito a riscuotere 250 mila euro da enti pubblici, per segnalare un perverso meccanismo economico innescato dai ritardi dello Stato nel pagamento dei fornitori.

"Un'azienda non può essere pagata con due anni di ritardo. O prende soldi a prestito o fallisce. E in tutti e due i casi ci sono le organizzazioni criminali pronte ad approfittarne". Il sistema di cui è stata testimone nel periodo in cui è stato sindaco di Napoli, viene illustrato in pochi passaggi: "Le banche non brillano per generosità - spiega la Iervolino - e se l'imprenditore vuole indebitarsi chiede i soldi a chi li ha, ossia la camorra, che attraverso l'usura riesce a riciclare enormi quantità di danaro. Se invece una ditta non riesce ad andare avanti e fallisce, libera spazio per le aziende collegate alla malavita, che non hanno problemi di soldi e anche se lo Stato paga a due anni vengono alimentate dai proventi delle attività criminali".

Una situazione di cui l'amministrazione comunale di Napoli era consapevole: "Li ho incontrati gli imprenditori che chiedevano aiuto - ricorda - lo dicevano chiaro e tondo che erano costretti a gettarsi nelle braccia della camorra. Ma noi più che buone parole non eravamo in grado di dare. E il risultato non ha tardato a manifestarsi nelle liste di aziende candidate agli appalti del Comune. All'inizio del mio mandato capitava che per ogni appalto la Prefettura escludesse una ditta per infiltrazione camorristiche. Alla fine ne escludeva tre o quattro. Segno che la camorra si era infiltrata nel tessuto delle imprese".

Parlando dell'emergenza rifiuti, la Iervolino contesta una norma voluta dall'ex governatore regionale Antonio Bassolino, i Verdi e, a sorpresa, da molti vescovi "sempre pronti a impartire la benedizione a chi si sdraia davanti alle ruspe per impedire l'apertura di una discarica".

Quanto al suo successore Luigi De Magistris, infine, lo definisce "un ragazzo promettente, nel senso che promette molto e vedremo cosa riuscirà a mantenere".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento