Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

G20, de Magistris: "La cura affidata a chi ci ha portato nell'abisso". Il summit tra controforum e proteste

Si avvicina il G20, la due giorni sull'ambiente che vedrà Napoli portagonista il 22 e il 23 luglio. "Questa è una città di pace", ha sottolineato il sindaco a proposito di eventuali rischi per l'ordine pubblico

Foto Ansa

"Una certa perplessità nell'affidare la cura e la medicina a chi ci ha portato sull'orlo dell'abisso c'è". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ai microfoni di Rainews ha mostrato così tutta la sua perplessità sul G20.

Il sindaco ha parlato alla vigilia dell'apertura dell'incontro su clima, ambiente ed energia che si terrà a Napoli domani, giovedì 22 luglio, e venerdì 23 luglio.

"Napoli – ha aggiunto de Magistris – lancia un messaggio, è l'unica città d'Italia che ha attuato il referendum sull'acqua pubblica. L'acqua, come dice il Papa, è il primo bene comune. Nel Pnrr vedo che si finanziano le multinazionali che gestiscono l'acqua e non, per esempio, le città che con le mani pubbliche gestiscono l'acqua. Ecco, cambiamo rotta anche partendo da queste cose".

La questione sicurezza e il ricordo di Genova e Napoli

"L'organizzazione della sicurezza la fa il governo, non la città. Ma dico che questa è una città di pace", ha proseguito poi il sindaco commentando la situazione dell'ordine pubblico in vista del summit. Parlando del Global Forum di 20 anni fa a Napoli e dei fatti del G8 di Genova, de Magistris ha spiegato di "stigmatizzare ora per allora la macelleria sociale che fu messa in campo a Napoli e poi a Genova. Sono sempre stato dalla parte di chi pensa che un altro mondo è possibile".

Il G20 Ambiente, Clima ed Energia

Alla ministeriale G20 di domani e dopodomani si proverà a trovare una sintesi delle proposte per "un futuro migliore e sostenibile". La discussione al G20 di Napoli articolerà in tre principali macro-aree: biodiversità, protezione del capitale naturale e ripristino degli ecosistemi; uso efficiente delle risorse ed economia circolare; finanza verde. Il summit vedrà la Presidenza italiana agire nlla prosecuzione del "lavoro delineato dalla Presidenza G20 dell'Arabia Saudita e aprire la strada su queste tematiche anche alla futura Presidenza G20 dell'Indonesia".

Le proteste

Numerose anche le persone che scenderanno (o sono già scese) in piazza per protestare contro i protagonisti dell'incontro. Annunciato, per domani 22 luglio, un corteo di protesta, con partenza da piazza Dante alle ore 16. "Attivisti e attiviste – spiega una nota di Extinction Rebellion Napoli con Greenpeace e Climate Save Movement – insceneranno un corteo funebre a simboleggiare la morte del pianeta, degli animali e dell'immane costo in vite umane che l'inazione politica sta causando. Sarà capeggiato da Pulcinella, simbolo di Napoli, legato e martoriato dalla crisi ecosistemica e climatica. Il tutto si svolgerà in maniera completamente nonviolenta”.

Intanto un controforum per "smascherare le ipocrisie sull'ambiente dei Grandi 20" è partito oggi con protagonisti i movimenti. Presenti esperti da tutto il mondo, come Vandana Shiva e Sonia Guajajara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

G20, de Magistris: "La cura affidata a chi ci ha portato nell'abisso". Il summit tra controforum e proteste

NapoliToday è in caricamento