Politica Vomero

V Municipalità, intervista al candidato presidente Flores: "Ripartiamo dal turismo per un rilancio economico del territorio"

"Dobbiamo espandere al massimo, nei limiti consentiti in termini normativi, la compartecipazione pubblico/privato", spiega il consigliere municipale uscente

Non solo per l’elezione del nuovo sindaco e per il rinnovo del Consiglio Comunale. A Napoli domenica 3 e lunedì 4 ottobre si voterà anche per l’elezione dei nuovi presidenti municipali e per il rinnovo dei consigli. Alla V Municipalità Arenella Vomero, tra le candidate e i candidati in corsa per la successione del presidente uscente Paolo De Luca, c’è Francesco Flores, consigliere municipale uscente e candidato presidente per Forza Italia con Catello Maresca sindaco, che ha risposto alle nostre domande: 

Come è maturata la decisione di candidarsi alla Presidenza della V Municipalità?

"Sin da studente, ho avvertito forte l’esigenza di partecipare attivamente alla gestione degli organismi che regolavano la mia vita, e mi sono impegnato con forza ed entusiasmo in ambito universitario per il riconoscimento ed il rispetto dei diritti degli studenti, prima in qualità di consigliere di facoltà e poi successivamente in quello di consigliere di Ateneo. Dopo la laurea, ho deciso di dedicare le mie energie e il mio impegno al mio quartiere. Di qui, la mia prima candidatura a consigliere della Municipalità 5 Vomero – Arenella. Un percorso, il mio, che oggi mi ha dato l’opportunità di essere con orgoglio candidato presidente". 

Da cosa deve ripartire, a suo parere, il territorio della V Municipalità e cosa, invece, cambierebbe nel caso in cui fosse eletto Presidente.

"Grazie all'esperienza pregressa sul territorio, il mio impegno sarà rivolto sia a cercare di eliminare le criticità già emerse e non completamente risolte, sia a valorizzare quanto di positivo si può offrire ai cittadini non solo in relazione ai servizi, ma anche con un rilancio economico fortemente connesso al turismo che rinasce. A questo proposito, mi farò attivo estensore di progetti con le scuole del territorio per la creazione di info point turistici gestiti da studenti adeguatamente preparati, ai fini della valorizzazione delle nostre bellezze e del patrimonio artistico e culturale della nostra municipalità. Inoltre, credo che anche la compartecipazione pubblico-privato sia la strategia da cui ripartire. Dobbiamo espandere al massimo, nei limiti consentiti in termini normativi, la compartecipazione pubblico/privato. Bisognerà coinvolgere gli imprenditori nella gestione della cosa pubblica, nella gestione del verde, nella realizzazione dell'arredo urbano". 

Negli ultimi anni si è molto discusso del ruolo delle Municipalità a Napoli: cosa ritiene debba cambiare in futuro?

"Per quanto riguarda il ruolo delle Municipalità, queste dovrebbero avere nuovamente l’importanza che fu data loro un tempo quando fu promossa la riforma del decentramento amministrativo: non solo venivano conferite loro più mansioni, ma sopratutto risorse in termini di fondi e personale, cosa che manca oggi e che non permette la loro autonomia. Anche per questo motivo, alcuni degli obiettivi previsti non sono stati realizzati. Pertanto, il mio impegno sarà profuso nel sollecitare, nelle sedi opportune, uno stanziamento più adeguato di fondi e l’assegnazione di un maggior numero di operatori". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

V Municipalità, intervista al candidato presidente Flores: "Ripartiamo dal turismo per un rilancio economico del territorio"

NapoliToday è in caricamento