menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Comune di Napoli scommette sul fotovoltaico

Si è aperto il bando di gara per l'affidamento dei lavori di realizzazione e gestione di un impianto fotovoltaico a copertura dei capannoni del deposito/officina di Piscinola della Linea 1 della metropolitana

Il Comune di Napoli scommette sul fotovoltaico. 18mila metri quadrati di moduli solari produrranno entro il 2015, 2,6 mil di Kwh di “energia pulita”. Si è aperto, infatti, il bando di gara per l’affidamento dei lavori di realizzazione e gestione di un impianto fotovoltaico a copertura dei capannoni del deposito/officina di Piscinola della Linea 1 della metropolitana cittadina.

18mila mq di superficie per 4.074 moduli fotovoltaici in silicio policristallino testurizzato e una potenza di 1 MW (megawatt). Queste le caratteristiche principali del progetto, realizzato da Metronapoli con il supporto tecnico-scientifico di ANEA (Agenzia Napoletana Energia e Ambiente), approvato con delibera della Giunta Comunale di Napoli N. 1026 del 28 dicembre 2012.

L'obiettivo è produrre energia pulita in autonomia, abbattere i costi dei consumi per un totale di 180mila euro annui (14mila al mese), ridurre le emissioni inquinanti di CO2. L’applicazione consentirà infatti di fornire energia elettrica per circa 1.300.000 kWh/anno.

Il fotovoltaico è un investimento vantaggioso per l’ambiente, per l’amministrazione comunale e per chi finanzia l’operazione. Il bando di gara prevede la locazione finanziaria della durata massima di 20 anni alla cui scadenza la proprietà viene riscattata dal Comune di Napoli. Il rientro per chi investe è previsto già nei primi 10 anni, mentre a Metronapoli vanno i ricavi derivanti dalla produzione di energia.

Alla società che si aggiudica la gara, viene corrisposto un canone complessivo di circa 25mila euro al mese: 13mila euro di risparmio ottenuto in bolletta cui si aggiungono 5mila euro da finanziamenti pubblici come incentivo alla produzione di energia da fonti rinnovabili, oltre ad un fondo per investimento Metronapoli del valore di 7mila euro.

“I dati forniti da Metronapoli - evidenzia il vicesindaco con delega all’Ambiente Tommaso Sodano - testimoniano quanto la realtà del fotovoltaico sia in continua crescita, soprattutto per aziende che scelgono questa strada come investimento eco-sostenibile e sicuro per il futuro. Un settore sul quale questa amministrazione ha deciso di puntare con fermezza per il bene non solo del nostro territorio ma di tutto l’ecosistema”.

Per Alberto Ramaglia, Amministratore Unico di Metronapoli, “le fonti rinnovabili costituiscono un’opportunità che a regime garantirà a Metronapoli di alimentare l’attività produttiva, luoghi di lavoro, treni e stazioni di Metronapoli coprendo il fabbisogno energetico aziendale fino a un terzo dei consumi complessivi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

social

Lotto, estrazione di lunedì 3 maggio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento