Elezioni Politiche 2013

Elezioni 2013: seggi aperti, via al voto

Gli elettori sono chiamati ai seggi per il rinnovo del Parlamento. NapoliToday seguirà lo spoglio a partire da lunedì pomeriggio

Voto © Tm NewsInfophoto

Elettori chiamati oggi e domani a votare per il rinnovo del Parlamento. Si vota dalle ore 8 alle ore 22 del 24 febbraio e dalle ore 7 alle ore 15 del 25 febbraio. Votano per l'elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica gli elettori che abbiano compiuto, rispettivamente, il diciottesimo e il venticinquesimo anno di età entro il primo giorno della votazione.

NapoliToday seguirà tutte le operazioni di voto e a partire da lunedì pomeriggio per le politiche (camera e senato).
 

TUTTE LE INFORMAZIONI

COME VOTARE PER CAMERA E PARLAMENTO
DOVE E COME RITIRARE IL CERTIFICATO ELETTORALE
QUANDO UN VOTO E VALIDO E QUANDO NO
INFORMAZIONI SUL VOTO DI DISABILI E PERSONE MALATE
GUIDA AL VOTO PER IL SENATO
GUIDA AL VOTO PER LA CAMERA DEI DEPUTATI
PROGRAMMI ELETTORALI A CONFRONTO


I CANDIDATI ALLA CAMERA PER LA CAMPANIA
I CANDIDATI AL SENATO PER LA CAMPANIA

ORE 22,00: Affluenza a Napoli del 43%
ORE 19,45: "Tu mi tesseri, io non ti voto": protesta a Piazza del Plebiscito dei tifosi azzurri.
ORE 19,27: Castellammare, 79enne ricoverata in rianimazione chiede di votare e il personale sanitario crea una "sala asettica" per accontentare la paziente "speciale".
ORE 19,00: Affluenza a Napoli del 34% in calo rispetto agli anni passati.
ORE 17,47: "Nessuna macedonia per convincere gli elettori ma vaschette di frutta per gli scrutatori ed i presidenti di seggio". Lo afferma, in una nota, il parlamentare del Pdl, Paolo Russo replicando a quanto affermato, in una nota dal consigliere regionale della Campania, Corrado Gabriele (Pse). "Gli elettori sono già convinti di votare Pdl", aggiunge ancora Russo sostenendo che " Corrado Gabriele può solo tentare di alimentare una caciara" per avere notorietà.
ORE 17,17: "Che Berlusconi e il PDL fossero ormai alla frutta s'era capito dalle ultime battute della campagna elettorale, ma che esponenti del PDL utilizzassero materialmente cestini macedonia per convincere gli elettori della bontà dei propri intenti politici non potevamo immaginarlò". Lo dice, in una nota, il consigliere regionale della Campania, Corrado Gabriele (Pse). Il fatto, secondo quanto segnala Gabriele, è avvenuto a Mariglianella (Na). Il consigliere regionale, infine, ha chiesto al Prefetto di Napoli di intervenire.
ORE 13,38: "Ci auguriamo che in questa tornata elettorale, contrariamente a quanto accaduto nel 2006, non si verifichino problemi riguardo lo scrutinio dei voti. In ogni caso, il partito del Popolo delle Libertà è allertato con la massima attenzione, non solo attraverso i propri rappresentanti di lista, ma anche con una vigile presenza di tutti i quadri dirigenti, affinchè le operazioni di voto e lo scrutinio si svolgano nella piena regolarità". Così in una nota il coordinatore provinciale del Pdl di Napoli, Luigi Cesaro".
ORE 13,25: Nelle liste elettorali affisse all'interno dei seggi campani il suo nome figura due volte: Claudio Ferrara, imprenditore, nato ad Aversa (Caserta) il 2 gennaio 1957, è candidato alla Camera con il Pdl (numero 22 nella lista per Campania 1) e al Senato con "Liberi per un'Italia equa", numero due alle spalle del capolista. Una palese irregolarità, evidentemente finora sfuggita alle verifiche, che però non preoccupa il diretto interessato. "Ho rinunciato alla candidatura con il Pdl - spiega Ferrara all'ANSA - subito dopo la presentazione delle liste. Ho con me la copia dell'atto di rinuncia, notificato sia alla prefettura che al tribunale di Napoli. Non so per quale motivo la lista riporti ancora il mio nome, e non mi interessa: io sono candidato con 'Liberi per un'Italia equà, avendo lasciato il Pdl dopo vent'anni di militanza per il modo assurdo in cui è stato trattato Nicola Cosentino". Resta da vedere se, da un punto di vista formale, il permanere del nome del candidato nelle liste ufficiali all'interno dei seggi possa provocare ricorsi o conseguenze formali.
ORE 12.30: Francesca Pascale, la fidanzata di Berlusconi vota a Fuorigrotta. Battibecco con i contestatori: "I Comunisti sono la vergogna dell'italia".

?ORE 12: Affluenza:ha votato il 10, 81 per cento degli aventi diritto.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2013: seggi aperti, via al voto

NapoliToday è in caricamento