rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Elezioni regionali 2010

Il piano di De Luca: “Consulenti a casa, rifiuti e fondi Ue”

Non ha dubbi, Vincenzo De Luca, sulla prima cosa che farà se sarà eletto presidente della Regione Campania: "Manderò a casa tutti i consulenti della Regione Campania. Tutti a casa in ventiquattr'ore". Poi l'emergenza rifiuti

Ecco le primissime intenzioni di Vincenzo De Luca se sarà eletto alla guida della regione Campania: "Manderò a casa tutti i consulenti della Regione Campania. Tutti a casa in ventiquattr'ore".

  Prometto un altro metodo, per il quale conta il rispetto per i cittadini  
De Luca promette "una svolta politico-programmatica profonda, l'introduzione di un altro metodo". Sui consulenti è chiaro, devono andare via, "poi vedremo con calma quelli che servono davvero. Ma questo gesto simbolico sarà il primo intervento: tutti a casa", spiega alla rubrica di Maurizio Belpietro 'La telefonata' in onda all'interno di Mattino Cinque. "

Dai consulenti a un altro problema nevralgico della regione: “Quindi cominceremo a lavorare sui rifiuti, dove l'emergenza è già alle porte e sull'impiego dei fondi europei, perché abbiamo perso già i primi tre anni del programma 2007-2013 senza aprire un solo cantiere".

Meritocrazia ed efficienza insomma: "Prometto un altro metodo, per il quale conta il rispetto per i cittadini, per le imprese, senza che nessuno si senta in dovere di chiedere qual è il partito di appartenenza. Io sono per premiare il merito, la correttezza amministrativa, la capacità progettuale. Garantisco un'interlocuzione e un'istituzione terza, cioé non legata a logiche di clientela ma a logiche di efficienza e di correttezza dello Stato".

Con Belpietro parla anche dell'appellativo che da anni gli è stato assegnato, quello di ' sindaco sceriffo' : "Intendo rappresentare insieme una linea amministrativa di accoglienza, di solidarietà di spirito cristiano nei confronti di chi viene per cercare lavoro e fugge dalle guerre, ma anche una linea di legalità. Se qualcuno immagina di occupare un parcheggio abusivamente avendo un coltello in tasca e mostrandolo al vigile urbano che cerca di allontanarlo, non può stare nella mia città". Ma alla fine riuscirà a convincere i potenziali alleati, tra i quali anche la sinistra di Vendola? "Non è con le balle delle coalizioni che risolveremo i problemi drammatici che abbiamo davanti a noi - conclude - Parleremo anche con l'amico Vendola, ma sarebbe bizzarro se in Puglia si rivendicassero come strumento democratico le primarie e poi a Napoli e in Campania si volesse chiudere la bocca ai cittadini".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piano di De Luca: “Consulenti a casa, rifiuti e fondi Ue”

NapoliToday è in caricamento