menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

De Magistris-Lettieri si incontrano sul ring: faccia a faccia su SkyTG24

Primo confronto in attesa del ballottaggio. L'ex magistrato sul candidato del Pdl: "Dobbiamo evitare che metta la città nelle mani della camorra". Lettieri: "Ha usato soldi pubblici per fare inchieste inutili"

sky_2De Magistris torna sul luogo del delitto, per Lettieri è invece la prima volta dopo la sedia vuota della scorsa volta. Faccia a faccia questa mattina organizzato da Sky, l'ennesima occasione per parlare di programmi tra colpi bassi e grandi attese per il ballottaggio del 29 e 30 maggio.

Rifiuti, l’eterno problema. Ma per de Magistris sarà la prima delibera. “Raccolta differenziata su tutto il territorio per raggiungere il 70% in pochi mesi. No all’inceneritore a Napoli est. Eliminata la Tarsu, basta a questa tariffa abnorme. Chi ha comportamenti virtuosi pagherà meno in termini di tasse. E poi con me non ci sarà nessun uomo di Bassolino e Iervolino. Sono alternativo e i cittadini napoletani hanno capito che posso essere per loro la svolta”. Lettieri punta invece sull’impianto di compostaggio e intanto “si stringe un accordo con un paese straniero – al momento top secret - per tamponare il problema rifiuti. Anche perché servono almeno 8-10 mesi per il via alla indifferenziata”. Il suo rivale, de Magistris, “rappresenta la continuità. Io sono l’unico che ha fatto opposizione alla Iervolino in questi anni, ho tentato di mandarla a casa e non ci sono riuscito. Lui ha fatto il magistrato, servono altre caratteristiche per amministrare”. Ma de Magistris è ovviamente di tutt’altro parere. “Io non mi sono accompagnato in campagna elettorale con Cosentino. Ho solo persone pulite in lista. Lettieri ha indicato nella sua possibile squadra Bertolaso. La stessa che prese in giro i cittadini nel 2008 con Berlusconi dicendo che avrebbe risolto l’emergenza rifiuti. E poi è stato tra i primi a fare pappa e ciccia con Bassolino. Lui è un imprenditore di soldi pubblici, ha messo in cassa integrazione lavoratori, e ora vule risanare Napoli. Insieme a Cosentino metterà Napoli in braccio alla camorra”.
de-magistris-1_1
Sulla squadra di governo di de Magistris: “Avrò solo persone competenti, politicamente capaci, credibili e coraggiose perché noi siamo contro il sistema. Sarà una sorpresa incredibile. Libererò la città dalla cricche e chiederò alla parte della Napoli attiva di far rinascere Napoli. Tra i nomi c’è Lucarelli che fa la battaglia sull’acqua pubblica. Ci saranno molte donne e molti giovani” Per Lettieri, invece, il più volte citato Cannavaro. “Napoli ha bisogno eroi positivi. E poi avrò tre garanti sulla giunta, ma i nomi ora non li dico”.

Capitolo lavoro. Lettieri: “Possiamo far ripartire 4 miliardi di investimenti pubblici, bisogna stare vicino alle imprese. Vorrei fare una banca a vocazione territoriale per il microcredito alle piccolissime imprese di Napoli. L’aiuto va dato al turismo – ove siamo rovinati al momento – e poi all’artigianato”. I numeri: 2mila posti in due anni. L’ex pm invece non ama le cifre. “Il lavoro deve essere un diritto è non un privilegio. Se si libera la spesa pubblica, possiamo far ripartire tutti i settori”. Sul suo camper per il lavoro: “Portiamo in giro proposte di politica industriale. Bagnoli risulta essere il più grande fallimento. E a Napoli est si potrebbero attuare politiche di green economy”.

Argomento sicurezza. Lettieri: "Darò il via a una task force di 250 vigili urbani per garantire massima tranquillità nei quartieri". De Magistris punta invece su videosorveglianza e vigili per strada. "Dobbiamo poi offire al cittadino anche un trasporto sicuro sia di giorno che di notte".



Abusivismo
. Lettieri esprime la volontà di sanare le situazioni difficili. Certo, al primo abuso arrivano le ruspe e si va in galera. Ho visitato l’area 219, la gente non ci può stare più dentro. Penso a un piano di social housing come Milano”. Il rivale de Magistris ricorda l’abusivismo su marciapiedi di Piazza Garibaldi, corso Umberto. Quanto all’edilizia abusiva “va contrastata, ma nel modo giusto: non si mettono le persone all’improvviso in mezzo alla strada a fare i barboni”.

Infine l’ultimo appello. Le parole di de Magistris: “Ho trovato una città depressa e sfiduciata a inizio campagna elettorale. Ora vedo entusiasmo. Dobbiamo liberarci dalla camorra, dalla malapolitica, dobbiamo liberare la cultura e il libero pensiero, aprire centri sportivi, parchi verdi, luoghi dove ci si può confrontare. Una città di pace, di rapporti diplomatici nuovi. Io non prometto posti di lavoro, ma mi impegno a creare condizioni affinché il lavoro sia un diritto”. Lettieri: “Sono nato in un quartiere popolare, ho rischiato sempre sulla mia pelle. Ho iniziato da giovanissimo e forse per questo motivo ho a cuore la sorte dei ragazzi che mi stanno accompagnando in questo percorso. Napoli ha bisogno di rilancio, di programmi seri. Io sarò un sindaco che riceve ogni mercoledi i cittadini, che non sta dietro la scrivania ma gira la città in lungo e in largo. Scampia non è la situazione peggiore. Il peggio sta altrove”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento