menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lettieri sul palco della Sala Newton a Città della Scienza (foto Twitter @GianniLettieri)

Lettieri sul palco della Sala Newton a Città della Scienza (foto Twitter @GianniLettieri)

Lettieri a Città della Scienza per l'apertura della campagna elettorale

Il Presidente di Prima Napoli ha aperto la sua campagna elettorale a Bagnoli, presso la Sala Newton di Città della Scienza: "Sono felice del mio impegno per la città. Non potevo starmene fermo, con le mani in mano. Napoli ce l'ho nel sangue"

"Non mi candido a sindaco di Napoli: mi candido a sindaco di ogni strada, di ogni piazza, di ogni quartiere di questa città". Così ha esordito Gianni Lettieri sul palco della Sala Newton di Città della Scienza a Bagnoli, dove questa mattina ha aperto la sua campagna elettorale

"Ho sempre fatto quello che amo: fare impresa. E l'ho fatto sempre con tanta passione - ha spiegato il Presidente di Prima Napoli - . Se sei determinato puoi raggiungere qualunque obiettivo. Non riesco più a vedere la mia città ferma, rispetto a quello che hanno fatto tante altre città. Per questo sono felice del impegno per Napoli: non potevo starmene con le mani in mano, chiudendo gli occhi. Napoli ce l'ho nel sangue. Noi ci rimbocchiamo le maniche, noi ci spezziamo la schiena: ridiamo alla città la dignità che merita".

"Sarò sindaco 24 ore su 24 e soprattutto a costo zero. Non percepirò stipendio, non spenderò soldi in staffisti e consulenze - ha proseguito l'imprenditore - . Mi candido perché voglio una città serena, dove ognuno possa vivere tranquillamente. Mi candido perché voglio una città civile, moderna, europea ed attrattiva. Non voglio fare carriera politica: farò un solo mandato da sindaco e poi tornerò a fare il lavoro che amo. Eliminiamo la parola periferie dai nostri vocabolari: Napoli deve tornare ad essere bella tutta, non solo in 3 km quadrati".

PIAGA CAMORRA - "Voglio una città decamorrizzata. Una città serena a misura di bambino, a misura di donna, a misura d'uomo. La camorra è la piaga più grande della città: dobbiamo vincerla, stanarla, abbatterla".

AVVERSARI - "Dagli altri candidati non ho ascoltato nessuna proposta concreta: sanno solo rincorrerci e litigare. Napoli è sputtanata da chi la amministra male, togliamola dalle loro mani. Agli altri interessano le prossime elezioni, io invece penso alle prossime generazioni. Io non faccio promesse, io mi prendo impegni tassativi. La nostra è una battaglia di civiltà per Napoli. Muoversi e reagire sono un obbligo e un dovere morale. Oggi siamo tutti Gianni, siamo tutti candidati a sindaco".

POTERI FORTI - "I veri poteri forti sono contro di me perché preferiscono continuare ad avere a che fare con amministrazioni mediocri e amministratori che hanno bisogno di piaceri, di cortesie, e dunque non sono liberi. Io sono una persona non ricattabile, dalla schiena dritta. Non ho bisogno di niente, io voglio solo ridare alla città la dignità che merita e il posto che le spetta. A me interessa solo risolvere i problemi di Napoli", ha concluso Lettieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento