Politica

Maresca, elezioni in salita: due liste civiche e Lega (Prima Napoli) ufficialmente escluse

Documentazione presentata in ritardo. "Avvocati al lavoro, faremo valere i nostri diritti", ha spiegato il candidato del centrodestra

Due liste di Catello Maresca sono state escluse dalla competizione elettorale. È stato lo stesso candidato sindaco del centrodestra a Napoli ad annunciare di aver ricevuto dalla commissione prefettizia la notizia. Stessa sorte (e ragioni) anche per Prima Napoli, che di fatto è la lista "civica" della Lega a Napoli, Lega che aveva deciso di non correre col suo nome e con il suo simbolo.

"Ci hanno notificato l'esclusione delle liste Catello Maresca Sindaco e Catello Maresca - ha spiegato ai giornalisti il magistrato - Non me l'aspettavo, speravo prevalessero ragionevolezza e logica, ora gli avvocati sono al lavoro e faremo valere i nostri diritti e quelli democratici degli elettori".

"Si vede benissimo in tutti i video - ha proseguito Maresca - che ci hanno impedito di entrare per portare la documentazione integrativa. Questi formalismi sono di un diritto desueto, nella sostanza abbiamo fatto quello che dovevamo fare fino in fondo. Nella ressa non è stato possibile portare a termine la procedura, ma non è un problema addebitabile a noi".

Esclusa anche Prima Napoli

Maresca ai giornalisti aveva spiegato di non conoscere le sorti di Prima Napoli, ma nel pomeriggio è stato confermato che anche la lista civica leghista non correrà il 3 e il 4 ottobre prossimi per il Consiglio comunale di Napoli.
I coordinatori regionale e cittadino della Lega, Valentino Grant e Severino Nappi, hanno però già annunciato che "è pronto il ricorso".

"La lista - si difendono - è stata penalizzata per aver consegnato con un minuto di ritardo gli elenchi dei candidati. Siamo certi che la magistratura avrà gli strumenti e saprà valutare quanto accaduto e, dunque, potrà accertare che i nostri delegati erano già all'interno della struttura prima dello scadere del termine. L'esclusione di una lista cardine della coalizione di centrodestra che sostiene la candidatura a sindaco di Catello Maresca sarebbe del resto un grave vulnus".

Stessa sorte sul fronte Clemente

Anche la lista civica di Alessandra Clemente (Alessandra Clemente Sindaco) è stata ricusata a causa di un vizio formale rilevato alla sua presentazione. "Stiamo lavorando al ricorso che presenteremo al Tar in tempi celeri - ha dichiarato la candidata sindaco di area de Magistris e sinistra - siamo fiduciosi di un esito positivo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maresca, elezioni in salita: due liste civiche e Lega (Prima Napoli) ufficialmente escluse

NapoliToday è in caricamento