Liste pulite, Manfredi: "Non incontrerò Maresca. Valuteranno gli elettori"

Il candidato sindaco del centro-sinistra risponde al pm che lo aveva criticato per aver accolto in coalizione ex di Forza Italia

Quello delle liste pulite sarà uno dei tempi delle elezioni comunali. Manfredi e Maresca, continuano a punzecchiarsi a distanza. Il pm aveva chiesto via Facebook un incontro privato con l'ex rettore per stabilire le regole nella composizione delle liste. "Non credo che ci sia bisogno di incontrarci - ha glissato Manfredi - saranno gli elettori a valutare il nostro operato". 

La querelle era stata ravvivata dalla presentazione della lista Azzuri per Napoli con Manfredi. Fondatore della formazione è l'ex Forza Italia Stanislao Lanzotti, consigliere comunale uscente con un procedimento giudiziario in corso per voto di scambio. "Caro Gaetano, così non potrai garantire proprio niente. Se raccatti tutti quelli che io scarto, potrai anche vincere, ma a quale prezzo" il commento di Maresca dalla sua pagina Facebook. 

Era stato lo stesso Maresca, ospite nella redazione di Napolitoday, ad ammettere che avere un controllo capillare su tutti i candidati, compresi quelli nelle Municipalità, è molto difficile e che bisogna preparasi anche a intervenire in corso d'opera per correggere qualche sbaglio. 

Dopo aver driblato l'invito del pm, Gaetano Manfredi, a margine di un incontro con Casartigiani, ha indicato il potenziamento del trasporto su ferro come una delle priorità per la città: "Dobbiamo sfruttare i finanziamenti che arriveranno per l'aprtura delle nuove stazioni". 

Video popolari

Liste pulite, Manfredi: "Non incontrerò Maresca. Valuteranno gli elettori"

NapoliToday è in caricamento