rotate-mobile
Politica

Le ripercussioni della crisi di Governo sulle Comunali a Napoli: come cambiano gli scenari

La rottura tra Italia Viva ed il resto del centro-sinistra si rifletterà anche sulla corsa a Palazzo San Giacomo. Quasi impossibile ripetere lo schema di alleanze che ha portato alla rielezione di De Luca in Regione

Le crepe che si sono aperte nel campo del centro-sinistra a livello nazionale, con la rottura tra Italia Viva ed il Partito Democratico, avrà inevitabilmente ripercussioni anche sulle Elezioni Comunali a Napoli e nella partita per le grandi città al voto quest'anno.

Appare quasi impossibile riproporre a livello comunale lo schema di alleanze che ha portato nel settembre scorso alla rielezione di Vincenzo De Luca in regione. Sembra, invece, più forte l'asse Pd-5 Stelle, che hanno già più volte paventato negli ultimi mesi l'ipotesi di trovare un candidato comune nella corsa a Palazzo San Giacomo, nonostante i rapporti tesi in Consiglio Regionale tra la Giunta De Luca ed il gruppo pentastellato.

Italia Viva, a questo punto, potrebbe andare avanti dritta per la sua strada, puntando su un suo candidato sindaco e schierando eventualmente un nome importante come quello del parlamentare Gennaro Migliore

Sempre nello stesso 'campo', resta da capire anche cosa farà "Azione" di Carlo Calenda, che potrebbe presentare una sua lista alle Comunali di Napoli. Renzi nelle ultime ore ha espresso apprezzamento per la candidatura a sindaco di Roma dell'ex Ministro dello Sviluppo Economico, ma al momento è prematuro prevedere una futura comunione di intenti tra i due partiti nelle grandi città al voto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le ripercussioni della crisi di Governo sulle Comunali a Napoli: come cambiano gli scenari

NapoliToday è in caricamento