Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Magistris: "Resto alla guida di Napoli anche se mi candido in Calabria"

Il sindaco pronto a sciogliere la riserve per la corse alle regionali: "Da un punto di vista politico ho sensazioni positive. Restano da fare valutazioni personali, ma sono molto legato a quella regione"

 

Scioglierà la riserva il 18 gennaio. In quella data, Luigi de Magistris comuncherà la sua decisione in merito alla candidatura a presidente della Regione Calabria. Una cadidatura che, a oggi, appare più che possibile, come ammette lo stesso sindaco di Napoli: "Da un punto di vista politico le sensazioni che ho sono molto positive, perché la sollecitazione è arrivata dal basso da una rete sociale che mi ha ricordato molto Napoli nel 2011. Sarebbe una sfida con molte analogie con la mia prima esperienza di sindaco".

Le prossime oe saranno quelle decisive per sciogliere i nodi personali e, probabilmente, sondare il terreno per eventuali alleanze e appoggi: "Sono molto legato alla Calabria - ha proseguito de Magistris - La frequento da quando ero giovanissimo, poi ci ho lavorato da magistrato per nove anni. Ho molti affetti che mi legsno a quella terra. Resta una scelta di vita delicata, ma affascinante". 

Un passo, quella della candidatura alla Regione, che in Campania non gli è riuscito per due volte, nel 2015 e nel 2020. In quelle occasioni, il primo cittadino prtenopeo si era prima detto pronto a una candidatura per poi rinunciare a poche settimana dalle tornate: "Sono due cose molto diverse - si difende l'ex pm - Non sono stato candidato alla presidenza della Campania perché non volevo lasciare la guida della città durante la pandemia. La scadenza in Calabria, invece, coincide con la fine della mia avventura al Comune di Napoli. Inoltre, la legge calabrese non mi imporrebbe di dimettermi in caso di candidatura, quindi resterei alla guida della città fino alla fine". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento