rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021

Eleonora de Majo: "Ecco perché mi sono dimessa"

L'ex assessore spiega perché ha lasciato la Giunta de Magistris: "Il Sindaco, ormai, è distante dai movimenti sociali della città e ha intrapreso una strada che non mi piace". Sull'indagine della Procura in merito a presunte pressioni degli ultras: "Non sono indagata, eppure non c'è stata una presa di posizione in mia difesa"

Era il novembre 2019 quando Eleonora de Majo entrava nella Giunta del Comune di Napoli e assumeva il ruolo di assessore alla Cultura al posto di Nino Daniele. Dopo poco più di tredici mesi ha rassegnato le dimissioni.

In città, c'è chi sostiene che a spingerla sia stata la pressione seguita all'indagine della Procura su presunte pressioni che avrebbe ricevuto dagli ultras nella commissione per la statua di Maradona: "Non è stato quello. Almeno, non solo quello" assicura l'ex assessore. 

"Non mi sono sentita più parte di un percorso condiviso. Non ho apprezzato la scelta di de Magistris di candidare Alessandra Clemente a sindaco di Napoli senza un confronto con i pezzi di città che lo hanno sostenuto. Mi sono sentita sempre più distante da un progetto che, comunque, ho contribuito a costruire". 

E' legittimo chiedersi perché non l'abbia fatto prima, ma solo ora che l'Amministrazione arancione appare in difficoltà, con una maggioranza che, ormai, non esiste più: "Io non sono tra quelli che sostengono che sia tutto da buttare. Ci sono molto cose positive in questi 10 anni. Ho atteso alcuni mesi per capire se, indipendentemente dalla scelta della candidata a sindaco, ci fossero margini per riaprire un dialogo. Così non è stato. Anzi, devo dire che de Magistris ha creato una distanza con i movimenti sociali della città". 

In questo scenario, l'indagine della magistratura ha allargato una crepa che si era già creata. Nell'ambito del lavoro investigativo, nonostante non sia indagata, il 19 febbraio scorso la casa dell'allora assessore alla Cultura viene perquisita. La de Majo verrà poi denunciata perché nell'abitazione vengono ritrovati razzi, che per gli investigatori sono simili a quelli delle manifestazioni, ma che li dichiara essere fuochi d'artificio di capodanno. 

Il Comune non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale: "La mancata presa di posizione da parte dell'Amministrazione è stato un ulteriore elemento di riflessione. Anche perché le scelte sulla Commissione sono state condivise con il sindaco in tutti i passaggi. Non sono indagata, al momento, e non ho subito alcuna pressione da parte degli ultras. Vengono sovrapposti argomenti che non hanno connessioni, come gli scontri del 23 ottobre e la morte di Maradona, avvenuta un mese dopo". 

Dopo le dimissioni, trecento artisti hanno firmato una lettera di ringraziamento per l'ex assessore. Tra i firmatari anche Lello Arena, Negrita, Subsonica, Roy Paci: "Mi sono commossa. Credo sia il segno che, anche se in un anno molto difficile, siamo riusciti a fare qualcosa di importante". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Eleonora de Majo: "Ecco perché mi sono dimessa"

NapoliToday è in caricamento