rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

Debito del Comune, c'è ottimismo sugli emendamenti "Salva Napoli": cosa prevedono

Lo stesso Mario Draghi pare si sia interessato al destino delle casse di Palazzo San Giacomo

C'è nuovamente ottimismo sulla questione del debito di Palazzo San Giacomo. A quanto pare il presidente del Consiglio Mario Draghi è personalmente alle prese col problema, la voragine da 5 miliardi che ha portato la città sull'orlo del default.

L'attenzione del premier – ed il fatto che si torni a parlare di una legge ad hoc per la città – non tranquillizza soltanto il sindaco Gaetano Manfredi. Anche sul versante Pd, M5s e Articolo 1 filtra ottimismo. E infatti la senatrice Pd Valeria Valente ha manifestato la sua fiducia che i due emendamenti "salva Napoli" alla finanziaria possano essere ammessi.

Lo stesso assessore al Bilancio partenopeo, quel Pier Paolo Baretta che dalla designazione ha fatto la spola tra Napoli e Roma e che proprio in questi giorni tornerà al Mef, sottolinea che i due emendamenti sono stati segnalati ed è importante perché vuol dire che l'attenzione della politica alla vicenda Napoli è forte.

Gli emendamenti "Salva Napoli"

Sono due gli emendamenti incentrati sulla questione napoletana alla legge di bilancio, uno del Pd e uno del Movimento 5 Stelle. Quello del Pd vorrebbe trasferire le quote di ammortamento del debito dal Comune di Napoli allo Stato a partire dal 2022, col buco che verrebbe così dimezzato passando da 5 a 2,5 miliardi. Quello del M5s vorrebbe invece commissariare il debito – idea alla base del Patto per Napoli che portò Manfredi a candidarsi: verrebbe creata una struttura commissariale sul modello di Roma a partire sempre dal 2022. In pratica la contabilità raddoppierebbe: da una parte il commissario al debito con finanziamenti per sanarlo, dall'altro il Comune senza debiti, che potrebbe così finalmente ripartire.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Debito del Comune, c'è ottimismo sugli emendamenti "Salva Napoli": cosa prevedono

NapoliToday è in caricamento