Morto il diplomatico palestinese Saeb Erekat, il cordoglio di de Magistris

Il sindaco di Napoli: "Era un apprezzato leader, fautore della soluzione 'due Popoli due Stati'. Ad Abu Mazen il primo cittadino indirizza "profondo cordoglio"

(a destra Saeb Erekat)

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha inviato una lettera alla Signora Abeer Odeh Ambasciatore dello Stato di Palestina in Italia nella quale esprime “dispiacere e tristezza per la grave scomparsa del dottor Saeb Erekat, Segretario Generale del Comitato Esecutivo dell'OLP, diplomatico e storico negoziatore del faticoso processo di pace tra Palestina e Israele”. Il primo cittadino napoletano, che ebbe modo di conoscere Saeb Erekat nel corso della visita in Palestina in cui gli venne conferita la cittadinanza onoraria, lo ricorda come “un apprezzato leader politico che ha svolto la sua preziosa attività, prima, come stretto collaboratore di Yasser Arafat ed, attualmente, del Presidente Mahmud Abbas, Abu Mazen. Fautore della soluzione “due Popoli due Stati”, ha esercitato con impegno e passione il suo delicato e gravoso incarico, sempre, a difesa e per l'affermazione dei diritti del Popolo Palestinese.” De Magistris affida all’Ambasciatrice Abeer Odeh un messaggio al Presidente Mahmud Abbas, Abu Mazen, Cittadino Onorario di Napoli, con le “le espressioni di profondo cordoglio, mie e delle nostra Città, fraterna amica della comunità e dello Stato di Palestina”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

Torna su
NapoliToday è in caricamento