Arriva Mattarella, de Magistris: "Un segnale d'attenzione dopo l'omicidio al Rione Villa"

Il sindaco chiede la vicinanza dello Stato. "Il Presidente - ha detto - non farà mancare domani il suo sostegno alla città"

"Un segno di attenzione molto importante per il fatto che Napoli è prima città di Italia per crescita culturale": è la lettura del sindaco partenopeo, Luigi de Magistris, a proposito della visita del Capo dello Stato Sergio Mattarella prevista nella giornata di domani.

De Magistris ha parlato a margine del convegno 'I professionisti del vino', tenutosi alla Reggia di Portici. La visita del Presidente della Repubblica è per de Magistris "un segnale di attenzione istituzionale" dopo il terribile omicidio avvenuto martedì davanti ad una scuola per l'infanzia del Rione Villa a San Giovanni. "Come abbiamo già detto in questi giorni, quando la camorra spara e lo fa in quel modo - ha proseguito sul tema il sindaco - la risposta la deve dare lo Stato a cui compete il controllo del territorio, prevenzione, attività investigativa, individuazione di responsabili, processi rapidi e condanne e, quando sono definitive, possibilmente di farle eseguire non come 13mila sentenze passate in giudicato di cui ci sono i condannati definitivi a piede libero".

Mattarella domani a Napoli, le tappe della visita

"Credo che il Presidente non farà mancare domani il suo sostegno alla città - ha quindi aggiunto Luigi de Magistris - e allo sforzo che la stragrande maggioranza dei napoletani sta facendo per riscattare la nostra terra perché la cultura deve fare più rumore, anche attraverso questa visita, di un colpo di pistola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allo Stato, ha spiegato ancora il sindaco, "bisognerebbe chiedere diverse cose ma io mi limiterei a due". "La prima - ha proseguito - è inutile e grave annunciare un rafforzamento delle forze di polizia se poi non lo fai. La seconda, è non fare discriminazioni. Ci dicono sempre che non ci sono soldi, anche in questi giorni col Def. Ma se poi trovi, una mattina all'improvviso, 12 miliardi per salvare per l'ennesima volta Roma dai suoi debiti che ha accumulato anche di recente negli ultimi anni, è un fatto molto grave che provoca distanza tra i territori e il governo centrale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di De Luca: "Misure drastiche. Si blocca la movida"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 28 settembre al 2 ottobre: tra proposte di matrimonio e figli legittimi e non

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Elettra Lamborghini: con Napoli è vero amore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento