rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Politica

De Magistris: "I fischi del Maradona a Manfredi? Non perché juventino ma perché è estraneo alla città"

L'analisi dell'ex sindaco, ospite di Terzo Tempo su Tele A

“I fischi dei napoletani allo stadio a Manfredi? Non sono arrivati tanto perché è juventino, piuttosto perché viene percepito dalla città come un corpo estraneo, calato dall’alto, uno che non conosce Napoli e che a volte sembra un intruso". Ospite di Terzo Tempo su Tele A, l'ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris analizza così la contestazione al suo successore avvenuta domenica scorsa allo stadio di Fuorigrotta.

Nel corso della festa scudetto, organizzata al termine di Napoli-Fiorentina, il sindaco partenopeo è stato oggetto di qualche secondo di fischi.

Luigi de Magistris ha parlato poi della festa scudetto. "Sono felice di vivere questo straordinario momento da semplice cittadino - ha spiegato - ma la vittoria del Napoli arriva dopo il riscatto della città di cui sono orgoglioso di aver contribuito, mettendoci la faccia quando nessuno ci credeva“.
"I festeggiamenti - ha concluso l'ex sindaco - sono stati spontanei e straordinari alla faccia di chi pensava che il napoletano fosse un distruttore o imbrattatore di monumenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Magistris: "I fischi del Maradona a Manfredi? Non perché juventino ma perché è estraneo alla città"

NapoliToday è in caricamento