rotate-mobile
Politica

De Magistris contro la scissione del ministro: "Di Maio vuole essere cemento per la casta"

Per l'ex sindaco Di Maio "abbraccia il potere della casta tradendo definitivamente chi aveva genuinamente creduto in quello tsunami politico urlato da Grillo"

“Di Maio ha abiurato a 15 anni di movimento 5 Stelle". Lo afferma Luigi de Magistris, molto critico col ministro degli Esteri. Secondo l'ex sindaco di Napoli Di Maio avrebbe rinnegato "la rottura del sistema sempre annunciata e mai attuata, dall’uno vale uno passa all’uno non vale l’altro. Si candida ad essere il nuovo cemento della casta in crisi, ma è un cemento che si sbriciolerà a breve da un’onda popolare che non potrà che travolgerli".

“Di Maio - va avanti LdM - abbraccia il potere della casta tradendo definitivamente chi aveva genuinamente creduto in quello tsunami politico urlato da Grillo e portato sui palchi al grido “onestà, onestà”. Vanno nell’ammucchiata di centro che si è costituita, proni a Draghi e ai circuiti di potere nazionale ed internazionale. È una lotta di potere e poltrone, per come spartirsi i collegi elettorali alle prossime elezioni, mentre il Paese vive una delle sue crisi sociali, economiche e politiche più profonde".

“E l’aria di festeggiamento ieri durante la conferenza stampa di Di Maio, ministro degli esteri totalmente inadeguato, dimostra che questi non sanno nemmeno cosa siano le sofferenze e i bisogni del popolo. Mentre la benzina schizza, le bollette sono fuori controllo, i beni di consumo aumentano, i salari sono bloccati, la disoccupazione è galoppante, con emergenze energia e siccità drammatiche, pandemia e guerra, loro brindano alla fine del loro incubo: hanno adesso gettato definitivamente la maschera", ha concluso l'ex sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Magistris contro la scissione del ministro: "Di Maio vuole essere cemento per la casta"

NapoliToday è in caricamento