De Magistris su Covid, calcio e movida: "Perché per i giocatori regole diverse? De Luca ha creato il caos"

Il sindaco contro la gestione della pandemia nel mondo del calcio e contro la politica di Vincenzo De Luca

Luigi de Magistris ha affrontato oggi due temi particolarmente caldi in fatto di emergenza Coronavirus: il contagio nel mondo del calcio e l'ultima ordinanza di Vincenzo De Luca.

"Il campionato rischia di fermarsi di nuovo"

"Io continuo a ritenere che gli stadi un po' alla volta, col distanziamento e gli ingressi scaglionati, debbano riaprire - ha spiegato il sindaco di Napoli - ma quanto sta succedendo ai calciatori è diverso. Si è arrivati alla vicenda Genoa perché per loro c'è una regola diversa rispetto ai cittadini, ovvero se entrano in contatto con un caso non devono stare in quarantena. Si è consentito colpevolmente il rischiare un'esplosione di contagi". Il riferimento è alla situazione cui si trovano ora anche i calciatori del Napoli, i quali domenica si sono ritrovati a giocare contro un club che si è scoperto avesse ben 14 tesserati positivi. "Non c'è l'obbligo di quarantena per chi ha avuto contatti diretti come per noi - ha ribadito il sindaco - e ora siamo arrivati al punto che per questo si rischia una nuova chiusura del campionato".

Genoa, a 24 ore dalla partita col Napoli i positivi salgono a 14

"De Luca ha provocato il caos"

Il primo cittadino ha attaccato anche l'ordinanza 75 della Regione Campania in fatto di gestione dell'emergenza, ovvero quella - firmata ieri - che proibisce ricevimenti con più di 20 persone e vieta la vendita di alcolici da asporto dopo le 22.

"L'ordinanza di De Luca ha provocato il caos - taglia corto de Magistris - Penso a persone che avevano organizzato battesimi, matrimonie, cerimonie. Ci fosse stato un avvenimento imprevedibile nelle precedenti 24 ore, ma ieri c'era esattamente la situazione di prima del voto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Io - ha proseguito il sindaco - sono molto preoccupato per la situazione economica, sociale. Vorremmo più autorevolezza sulla sanità, invece il governatore scarica il tema pandemico sul cittadino e sull'imprenditore". "Nel frattempo - conclude - De Luca non risponde alle domande del tipo come mai non si fanno tamponi i test, perché non ci sono i posti letto, come mai il Covid Center non funziana come dovrebbe nonostante i soldi spesi. Abbiamo il minor numero di tamponi fatti e il maggior numero di contagi in Campania,  Servono risposte. Perché un bicchiere di vino si può bere al chiuso dopo le 22 e non all'aperto? Non è più pericoloso al chiuso? A che serve la mascherina obbligatoria sempre e comunque? Se cammino da solo sul lungomare alle 2 di notte mi spiegate perché dovrei avere la mascherina Vorremmo un po' più di serietà, un po' più di concretezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Protesta Whirlpool, operai bloccano l'imbocco dell'A3: auto incolonnate

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento