De Magistris: "Se mi sfiduciano mi candido alle Regionali e vinco"

"Penso che i napoletani vogliano che il sindaco e i consiglieri invece di pensare alle poltroncine pensino ai problemi della città", afferma il sindaco

Il sindaco di Napoli sembrava aver rinunciato nei mesi scorsi all'idea di candidarsi alle elezioni Regionali e il recente disgelo con De Luca (con l'incontro a Santa Lucia) sembrava avvalorare tale ipotesi, fino al colpo di scena di oggi.

"Se il consiglio comunale mi sfiducia mi candido alle regionali a settembre e vinco. Penso che i napoletani vogliano che il sindaco e i consiglieri invece di pensare alle poltroncine pensino ai problemi della città", sono state la parole di Luigi de Magistris a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, trasmissione condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. 

Il rischio per il sindaco di essere sfiduciato in consiglio comunale, dopo il recente passaggio all'opposizione, tra le file di Italia Viva di Gabriele Mundo e Manuela Mirra, appare concreto e per tale ragione, de Magistris ha voluto mandare tale avviso ai naviganti.

Incontro con De Luca

“Io l'ho chiamato nell'orario che vi avevo detto, intorno alle 8.40 di mattina, ma non c'era. Poi mi ha richiamato e io non potevo e l'ho richiamato io successivamente. E alla fine ci siamo visti venerdì”. Come vi siete salutati? “Io gli ho detto 'ciao presidente' e lui mi ha risposto 'ciao'. L'incontro è durato 35 minuti, De Luca era rilassato e gli argomenti di cui abbiamo discusso erano istituzionali, non c'è stato un ragionamento politico”. E' vero che eravate solo voi due? “All'inizio lui era con 7/8 persone ma io ero da solo. De Luca mi ha chiesto con chi fossi, e quando ha visto che non c'era nessuno con me ha fatto gli uscire gli altri e siamo rimasti noi due”. Qual è stato il clima dell'incontro? “I periodi precedenti sono stati difficili, quindi all'inizio il clima era un po' complicato. Poi invece devo dire che l'incontro è stato schietto e cordiale”. Cosa ha detto al governatore per 'sciogliere il ghiaccio'? “L'elemento che ha unito e che Napoli e la Campania sul piano sanitario hanno fatto bene durante il Coronavirus. Io ho fatto i complimenti ai napoletani, che sono stati bravi a rispettare le regole, naturalmente insieme al personale sanitario”. Le ha offerto qualcosa? “Dell'acqua, ma io in realtà non ho bevuto perché l'avevo fatto poco prima”. Avete parlato delle elezioni regionali? “No, per nulla”. Umanamente come ha trovato il governatore della Campania? “In forma”. Quest'incontro cambierà i vostri rapporti? “Sul piano istituzionale io ho sempre cercato questo dialogo. Sul piano politico siamo troppo differenti”. Avete pensato anche di fare una cena insieme? “Non esageriamo, poi lui chiude i locali alle 23 – ha scherzato De Magistris a Rai Radio1 - mentre io a quell'ora vado a cena”. E' il resoconto dell'incontro tra sindaco e Governatore raccontato da de Magistris a Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento