rotate-mobile
Politica San Ferdinando / Molo Beverello

De Luca e Salvini, incontro e scontro al Molo Beverello: che cosa si sono detti

La visita del ministro leghista

Non si risparmiano qualche colpo, Vincenzo De Luca e Matteo Salvini, in occasione della visita del segretario leghista a Napoli, dove è stato alla nuova area costruita al Beverello per l'imbarco degli aliscafi proprio in compagnia di De Luca e del sindaco Gaetano Manfredi.

De Luca su Salvini

"Una passeggiata pre-elettorale di Salvini al porto di Napoli ci sta - ha ironizzato il governatore campano - Ma voi sapete che questa è un'opera finanziata grazie anche all'intervento della Regione Campania con il governo Gentiloni. Il cantiere è stato consegnato nel 2019 per un importo di 23 milioni di euro". 
"C'è stata poi una sospensione - ha detto ancora - durante il Covid, ma anche per portare alla luce il molo ottocentesco che abbiamo visto in questo momento, una bella opera da valorizzare. È dunque un'opera figlia di una programmazione di altri governi e anche dell'impegno che ci ha messo l'autorità portuale che è il soggetto gestore, con presidente e segretario del porto che abbiamo voluto anche noi come Regione per dare impulso agli investimenti. È un'opera molto bella, molto gradevole, non credo che entrerà in funzione prima di qualche mese perché bisogna completare alcune cose". "Però va bene, ci sta pure a passeggiarci. Si inaugurano luoghi programmati dagli altri politici? Dobbiamo essere samaritani", ha aggiunto ancora riferendosi a Salvini.

Salvini su De Luca

Dal canto suo il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, sulla riforma delle autonomie regionali ha sottolineato: "Mi spiace che De Luca ne sia terrorizzato, però noi vogliamo semplicemente applicare quello che la Costituzione già prevede e delegare ai territori". Penso che la Campania - ha aggiunto Salvini - possa gestire a livello locale meglio dello Stato centrale alcune competenze, penso ai beni culturali, ad esempio. Poi chi è bravo lo dimostri ai suoi cittadini, chi non è bravo verrà bocciato. Oggi ci sono le differenze. Oggi la Campania ha servizi non all'altezza per tutti i suoi cittadini per colpa di una gestione statalista e centralista, non per colpa dell'autonomia che non c'è. Io sono convinto che per il Sud che ha voglia, che si impegna, che non sta a guardare il passato ma guarda il futuro, l'autonomia sia una grande opportunità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca e Salvini, incontro e scontro al Molo Beverello: che cosa si sono detti

NapoliToday è in caricamento