menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

De Luca e i 'morti di Covid al Nord': "Polemiche sciacallesche sulle mie parole"

Il governatore risponde agli attacchi su quanto ha detto ieri. Contro di lui Matteo Salvini, ma anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris

È stato molto duro il commento di Matteo Salvini oggi a proposito di quanto detto da Vincenzo De Luca in merito alla mancata chiusura e quindi alle persone decedute per Covid in alcuni territori della Lombardia. Il leghista si è detto "disgustato" per quanto affermato dal governatore.

La risposta di De Luca non si è fatta attendere. "Io credo – sono state le parole del presidente della Campania – di non dover rispondere nulla al soggetto in questione. Trovo vergognoso quello che è stato fatto nella giornata di oggi. Mi è capitato di dire a Sapri una cosa banale che è stata detta da tutti in questi mesi e cioè che in alcune parti d'Italia sono stati presi dei provvedimenti con qualche ritardo. Sono riusciti a fare una speculazione indegna, sciacallesca, sulla base di una banalissima osservazione oggettiva, fatta da tutti in Italia. Cioè che in qualche realtà del Nord si sono prese delle misure con qualche ritardo".

"Si devono vergognare – continua De Luca – quelli che fanno sciacallaggio sul nulla senza neanche leggere o ascoltare le cose dette. Doppiamente vergognoso è quello che è stato fatto, perché se c'è una regione che ha espresso sempre posizioni di rispetto e di solidarietà nei confronti delle regioni più colpite, questa regione è la Campania. Nel periodo più drammatico dell'emergenza Covid-19 abbiamo messo a disposizione di Milano e della Lombardia 20 posti letto di terapia intensiva. Se c'è una regione che ha fatto arrivare sempre messaggi e gesti di solidarietà, questa regione è la Campania".

Il leader della Lega: "De Luca? Disgustoso"

A biasimare De Luca anche de Magistris: "Parole vergognose"

"Parole vergognose che non rappresentano il sentimento del popolo campano e meridionale fatto di grande cuore e umanità". Anche il commento di Luigi de Magistris ha pesantemente attaccato De Luca. Per il sindaco le sue sono state "parole inqualificabili per il contenuto e per come sono state dette".

"Avere le proprie idee su come ci si è mossi durante la pandemia è un'altra cosa – ha aggiunto il sindaco – ma quello di De Luca è un linguaggio divisivo, con cui non si riparte, che non unisce l'Italia, che non rappresenta la voglia di riscatto del popolo meridionale. De Luca è lo stesso che ha lasciato intendere che il popolo campano è rimasto a casa per il suo lanciafiamme, pensate che concezione ha dei campani…". Per de Magistris è invece "tempo di unire il Paese con un linguaggio di solidarietà e fratellanza, non con questo frasario da campagna elettorale che non serve né alla Campania né al Paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento