Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

De Luca: "Napoli si avvia verso un nuovo lockdown in pochi mesi. Troppi cittadini non si vaccinano"

Il Presidente della Regione accusa i cittadini che non si presentano alle convocazioni per sottoporsi al vaccino anti-Covid: "Non si può continuare così, non è tollerabile"

De Luca

"Avremo nel mese di luglio una riduzione pesantissima nella consegna dei vaccini alle Regioni. La realtà è pesante. Disastrosa la comunicazione a livello nazionale, che ha provocato un atteggiamento di rilassamento nei cittadini. Continua poi una distribuzione scorretta delle dosi di vaccino. E' una vergogna, sono degli irresponsabili. A questo si aggiunge un elemento di criticità nella città di Napoli. Se prosegue così la campagna di vaccinazione in città, andiamo verso un nuovo lockdown nel giro di pochi mesi. Alle convocazioni si presenta un numero limitatissimo di cittadini. Non è tollerabile. Non si può continuare così, altrimenti a Napoli si va verso un nuovo lockdown dopo settembre. E' meglio parlare chiaro. In tutto questo apprendiamo che la variante Delta si sta diffondendo e che in Campania ci sono già alcuni focolai attivi. Rendiamoci conto che si sta preparando un'altra chiusura pesante, a Napoli e forse in altri territori". Così il Presidente della Regione Vincenzo De Luca ha fatto il punto della situazione sulla campagna vaccinale e sull'emergenza Covid in Campania, nel corso della consueta diretta social del venerdì pomeriggio.

"A settembre riaprono le scuole. La situazione è questa e deve preoccuparci. Rischiamo di avere un problema drammatico in autunno. Meglio dirlo oggi ed essere chiari. Se non abbiamo senso di responsabilità, le aperture saranno solo finzione e dureranno fino al 20 agosto. Dopo sarà l'inferno, di nuovo. Per quei milioni di cittadini che hanno scelto di non fare il vaccino, la variante Delta sarà aggressiva al massimo. Invito tutti a vaccinarsi, ripeto", ha aggiunto il Governatore. 

"Da lunedì secondo il Governo non c'è più l'obbligo dell'uso della mascherina all'aperto. Sono degli irresponsabili. In Campania l'obbligo resta, quando non è garantito il distanziamento, cioè nel 95% dei casi, lo diciamo senza fronzoli. Resta anche vietata la vendita degli alcolici dopo le 22. Abbiamo il dovere di fare delle scelte per proteggere la salute delle nostre famiglie. Il pericolo non è alle nostre spalle, ma davanti a noi. Faccio un appello a quella parte di cittadini di Napoli che non lo ha ancora capito: si dia una regolata e si svegli", ha tagliato corto De Luca. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "Napoli si avvia verso un nuovo lockdown in pochi mesi. Troppi cittadini non si vaccinano"

NapoliToday è in caricamento